Home arteecultura ​Partita la campagna abbonamenti per la stagione di prosa e danza del...

​Partita la campagna abbonamenti per la stagione di prosa e danza del Teatro Mengoni Un cartellone ricco delle migliori novità nel panorama italiano tra volti noti della Tv, incursioni nello sperimentale e nuovi nomi della scena italiana. Primo spettacolo venerdì 15 novembre

Condividi

Partita la campagna abbonamenti alla stagione di prosa e danza 2019/2020 del Teatro Mengoni di Magione. Un cartellone ricco delle migliori novità del panorama teatrale italiano caratterizza l’offerta che il Teatro stabile dell’Umbria e il Comune di Magione hanno messo insieme per la prossima stagione. Tra i nomi di spicco della Tv, Cesare Bocci e Dario Ballantini; tra i giovanissimi, ma già di successo, Liv Ferracchiati. In scena testi diventati icone del teatro come Tutta casa, letto e chiesa di Franca Rame e Dario Fo o personaggi come Petrolini e Pulcinella. Per la danza anteprima nazionale con Love Poems
Per la prima volta con Storie nel baule, un appuntamento fuori abbonamento dedicato alle famiglie.

“Mi piace sottolineare – è il commento di Gianfranco Zampetti, direttore artistico del teatro Mengoni – l’alta qualità degli spettacoli proposti, con una forte attenzione ai giovani, che fanno del Mengoni un punto di riferimento per gli amanti del teatro. Un mix di classico sperimentale danza, che consente a tutti gli spettatori di poter avere una visione a tutto tondo di quello che è il teatro. Senza dimenticare che il teatro è emozione, la possibilità di vivere una storia con personaggi reali passando dall’ironia al comico, dal dolore alla gioia in un coinvolgimento totale”. “Siamo lieti che il nostro teatro – fa sapere Zampetti – abbia uno stretto contatto con la scuola perché è fondamentale che questo contenitore culturale venga apprezzato dalle nuove generazioni, che lo vivano e ne comprendano il valore per la loro crescita”. “Come direttore artistico – prosegue – esprimo anche la mia soddisfazione nel vedere che questo teatro, per la qualità offerta, è sempre di più scelto per delle residenze artistiche da parte di compagnie che poi portano il loro spettacolo in altri teatri. Questo premia la nostra organizzazione, il modo in cui lavoriamo. Voglio sottolineare anche la scelta fatta di proporre fuori abbonamento uno spettacolo adatto anche ai più piccoli. Una proposta che porta la stagione teatrale ad ampliare il proprio pubblico diventando veramente aperta a tutti, da 0 a 90 anni”.

“Il calendario completo della stagione 2019/2020 – fa sapere Vanni Ruggeri, assessore alla cultura del comune di Magione – a cura del Teatro stabile dell’Umbria, intende riaffermare appieno il ruolo di assoluto valore che negli anni il teatro Mengoni ha saputo ritagliarsi all’interno del circuito regionale. L’impegno dell’Amministrazione comunale ha puntato con convinzione a confermare quantitativamente, e a potenziare qualitativamente, l’offerta teatrale, mantenendo nel contempo i prezzi di biglietti e abbonamenti a livelli davvero molto contenuti”.

“Anche quest’anno – afferma Nino Marino, direttore del Teatro stabile dell’Umbria – il cartellone è composto da spettacoli di altissima qualità, con grandi nomi della scena italiana e che Magione continua così a mantenere l’importante posizione che si è conquistato negli anni fra i teatri della regione, grazie a un pubblico attento e sempre pronto ad accogliere le nuove istanze del teatro e della danza.”

Il cartellone fa proprie le novità del teatro contemporaneo con spettacoli portati in scena da giovanissimi registi come lo spettacolo di apertura, venerdì 15 novembre,  Commedia con schianto di Liv Ferracchiati, artista che negli ultimi anni ha ricevuto numerosi riconoscimenti e ha fatto parlare di sé per il suo talento prolifico. È stato tra i pochi giovani artisti italiani presentati al Festival Internazionale della Biennale di Venezia Teatro e recentemente è stato applaudito a Parigi al Teatro de la Ville per il Festival Chantiers. Lo spettacolo è prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria che ha accompagnato praticamente fin dagli esordi il giovane regista e autore.
Ancora una produzione dello Stabile dell’Umbria domenica 8 dicembre con lo spettacolo Nostalgia di Dio scritto e diretto da Lucia Calamaro. Giovedì 19 dicembre, Valentina Lodovini interpreta quattro diversi personaggi femminili nel popolare testo di Dario Fo e Franca Rame Tutta casa, letto e chiesa. Uno dei volti amati della Tv, Cesare Bocci in scena con Tiziana Foschi, domenica 9 febbraio, presenta Pesce d’aprile, racconto di un grande amore che la malattia rende ancora più grande.
Venerdì 21 febbraio Dario Ballantini, trasformista di Striscia La Notizia, porta a teatro un cavallo di battaglia del suo repertorio giovanile: il grande Ettore Petrolini.
Venerdì 6 marzo Mi amavi ancora dalla raffinata ed eccellente scrittura ricca di colpi di scena e densa di umorismo di Florian Zeller con protagonisti Ettore Bassi e Simona Cavallari.
In chiusura di stagione venerdì 20 marzo Valerio Apice in Pulcinellesco ci racconta l’eterna storia di Pulcinella alternando prosa, poesia, canzoni, con un ritmo serrato in cui lo spettatore è giocosamente coinvolto.

Per la danza la MM Contemporary Dance Company, realtà di eccellenza della danza italiana, domenica 19 gennaio con Love poems presenta una serata composta da due coreografie di grande fascino in anteprima nazionale.

Domenica 24 novembre, alle 17, per la prima volta un appuntamento fuori abbonamento dedicato alle famiglie, Storie nel baule, uno spettacolo di teatro di narrazione e manipolazione della carta in cui dalle mani e dalla voce di Giuditta Fornari prendono vita piccole storie meravigliose, che stimolano la fantasia, coinvolgendo il giovane pubblico nel processo creativo.