Home istituzioni A Castiglione una nuova centrale operativa per la sicurezza. A cura della...

A Castiglione una nuova centrale operativa per la sicurezza. A cura della Polizia Municipale è a disposizione di tutte le forze dell'ordine

Condividi

Il Comune di Castiglione del Lago ha presentato un’importante novità in tema di sicurezza, prevenzione e repressione delle attività criminali nel territorio: un territorio che, è bene ricordarlo, è tutto sommato tranquillo ma che vuole rimanere tale per garantire il massimo della qualità della vita ai residenti e ai tanti turisti che lo scelgono per le vacanze. Questa mattina nella nuova sede della Polizia Locale in via del Forte è stata presentata la Centrale Operativa per il telecontrollo del territorio comunale di Castiglione del Lago, alla presenza del sindaco di Castiglione del Lago Sergio Batino, del comandante del Corpo Polizia Locale di Castiglione del Lago magg. Mauro Botticelli, del vicesindaco Romeo Pippi, dell’assessore Mariella Spadoni, di Marino Mencarelli presidente della Commissione consiliare sicurezza e del presidente del Consiglio comunale Franco Bizzarri. Sono intervenuti i comandanti delle forze dell’ordine: il cap. Andrea Caneschi della Compagnia Carabinieri di Città della Pieve, l’ispettore sup. Paolo Moretti comandante del Distaccamento della Polizia Stradale di Castiglione del Lago e il capitano Roberto Speranza comandante Guardia di Finanza di Castiglione del Lago.
«Vogliamo presentare il lavoro che abbiamo fatto a Castiglione per rafforzare il controllo del territorio – ha spiegato il sindaco Batino – per integrare l’opera giornaliera delle forze dell’ordine. Mettiamo a disposizione della nostra Polizia Locale e di tutti due nuovi strumenti: il Targa System e la nuova rete di telecamere costituita dalla Centrale Operativa». La Centrale Operativa mette in rete ben 16 telecamere, di cui 4 nuove e 12 preesistenti, in tutto il territorio comunale grazie all’intervento di azienda locale, la Goretti Technological Systems di Corciano, che sono perfettamente integrate e collegate con il sistema wireless che evita il controllo delle immagini in loco. Nella centrale, oltre al controllo visivo degli agenti, vengono registrate le immagini e immagazzinati una serie di dati, come le targhe delle auto che possono essere ricercate, anche solo scrivendo alcuni numeri e alcune lettere. Le telecamere sono collocate nei 16 punti strategici, in entrata e uscita da Castiglione del Lago e a Pozzuolo Umbro e nelle piazze e nelle strade importanti. «I dati sono in nostro possesso – ha sottolineato il maggiore Mauro Botticelli – ma sono a disposizione di Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco che avranno una password di ingresso e potranno fare le ricerche e le proprie indagini in autonomia».
Il Targa System invece è uno strumento destinato alle forze di Polizia, con lo scopo di offrire loro un valido supporto nella protezione delle strade e nell’individuazione delle irregolarità. La videocamera scansiona le targhe, inviando informazioni al server, che è collegato con gli archivi del Ministero dei Trasporti, dell’Ivass e del Ministero dell’Interno. Entrare nei database ministeriali vuol dire avere accesso a molte informazioni, come ad esempio la data di scadenza dell’assicurazione o della revisione. Queste informazioni tornano, nel giro di pochi secondi, in mano agli agenti delle forze dell’ordine, che possono controllarle direttamente dal tablet o dallo smartphone.

A Castiglione il Targa System verrà collocato anche su una auto della Polizia Locale. «Quello della sicurezza è un obiettivo che abbiamo perseguito con decisione in questi ultimi cinque anni – ha detto il consigliere Marino Mencarelli – fino a raggiungere queste eccellenze tecnologiche». «Vorrei sintetizzare i tre pilastri della sicurezza – ha concluso il sindaco Batino -: il primo la collaborazione e il dialogo interforze, il secondo le telecamere fisse e il terzo il Targa System come telecamera mobile. Tante novità per i nostri cittadini con un sistema che può essere potenziato con l’inserimento di nuove telecamere fisse per un investimento totale, in vari step, di circa 100 mila euro». (AKR)