Home Arte e cultura Anteprima festival delle corrispondenze, tra letteratura, musica e fumetto Svelate anche alcune...

Anteprima festival delle corrispondenze, tra letteratura, musica e fumetto Svelate anche alcune anticipazioni dell’edizione 2019 e presentato il bando del premio letterario Vittoria Aganoor Pompilj.

Condividi

Sono stati i giovanissimi, musicisti e disegnatori, i protagonisti dell’anteprima del Festival delle corrispondenze che ha visto anche la presentazione dell’ultimo libro di Alba Scaramucci, dedicato alla vita di Vittoria Aganoor, e l’esposizione del lavoro di inventariazione e digitalizzazione realizzato da Francesco Girolmoni, responsabile della biblioteca comunale, sul fondo di quasi 500 lettere indirizzate a Vittoria Aganoor recentemente acquisito dal Comune di Magione con il contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Perugia. Tra letteratura e musica, graphic novel e poesia, sono state svelate alcune anticipazioni dell’edizione 2019 e presentato il bando del premio letterario Vittoria Aganoor Pompilj.

Il pomeriggio non-stop, con quattro momenti diversi e con l’unico filo conduttore delle lettere, è stato organizzato presso l’officina teatrale La piazzetta dall’Ufficio cultura del Comune di Magione e dall’associazione musicale Doremilla, già partner del Festival delle Corrispondenze nella passata edizione.

Ad aprire l’evento, la presentazione del bando della XXI edizione del Premio letterario nazionale Vittoria Aganoor dedicato quest’anno al tema dell’amicizia ritrovata, con una frase tratta proprio da una delle lettere inedite della poetessa conservate nel fondo nuovo della biblioteca comunale, oltre ad alcune anticipazioni sulle tematiche che faranno da filo conduttore per l’edizione del Festival 2019, previsto a Monte del Lago dal 5 all’8 settembre.

Con la lettura di alcuni passi del suo recentissimo libro “Rapsodie per Vittoria Aganoor” edito da Volumnia, Alba Scaramucci ha raccontato il mondo più intimo della poetessa: le delusioni amorose, l’amore per la natura e il Trasimeno, la vita quotidiana e quella di società, l’incontro con Guido Pompilj e la tragica fine: il tutto sotto forma di romanzo e diario intimo, scritto in prima persona. Lucia Baldassari, in una suggestiva sessione di live drawing, ha invece presentato al pubblico il suo progetto work in progress finalizzato alla realizzazione di una biografia a fumetti della biografia di Vittoria Aganoor, una “vita disegnata” che mette in luce contraddizioni familiari e affetti troppo spesso dimenticati.

Evento clou dell’appuntamento di anteprima è stato il concerto conclusivo tenuto dai ragazzi della scuola di musica Doremilla, un percorso di musica e narrazione nell’Italia degli anni 70, che ha visto Federica Ciucarelli, voce; Tazio Aprile alle tastiere; Tommaso Giugliarelli e Filippo Mangiavacchi alla chitarra e al basso, ripercorrere il burrascoso rapporto epistolare che ha legato Lucio Dalla al poeta Roberto Roversi, cambiando per sempre la storia della musica.

“Un pomeriggio davvero speciale, con ritmi e linguaggi differenti, ma con un unico file rouge – ha dichiarato Vanni Ruggeri, presidente del consiglio comunale con delega alla cultura – perché il festival delle corrispondenze vuol essere soprattutto questo: un cantiere aperto alla contaminazione, un laboratorio vivo di ricerca, una fucina di creatività e di sperimentazione, soprattutto per i giovani, un catalizzatore per collaborazioni e reciproci stimoli, come nel caso dei ragazzi del Doremilla”

“La sfida non era delle più semplici – ha commentato Giovanni Tarquini, presidente dell’associazione Doremilla – immaginare e portare sul palco una performance che comprendesse il tema della corrispondenza epistolare, quello della censura e naturalmente una parte musicale. I ragazzi di Doremilla hanno accolto l’idea con grande entusiasmo, iniziando un’accurata ricerca. Una volta scoperta la corrispondenza Dalla – Roversi, tutto è venuto di conseguenza: la creazione di un testo originale che rendesse conto della loro relazione artistica (con citazioni della loro lettere), e l’inserimento nella narrazione di alcune canzoni, tematicamente collegate allo svolgersi dei fatti. Credo che sia stato per loro un lavoro ad un tempo formativo e gratificante: la dimostrazione che le opportunità di contaminazione e scambio, come quella creata da Vanni Ruggeri in occasione di questa Anteprima, sono preziose, e sanno accendere e stimolare fantasia e creatività”.

L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con: Festival delle corrispondenze, Premio Vittoria Aganoor, biblioteca comunale di Magione “Vittoria Aganoor Pompilj”, Doremilla, Volumnia editrice, associazione pro Monte del lago, Compagnia Teatrale Magionese