Home Arte e cultura Appuntamento con “Armonie Barocche” e gli Amici della Musica di Città della...

Appuntamento con “Armonie Barocche” e gli Amici della Musica di Città della Pieve Venerdì 14 aprile all'Avvaloranti di Città della Pieve.

Condividi

Città della Pieve. Comunicato Stampa. Il prossimo appuntamento degli Amici della Musica di Città della Pieve sarà il 14 aprile alle ore 21 al Teatro degli Avvaloranti per il concerto “Armonie Barocche”.

Abbiamo il piacere di ospitare nell’occasione l’orchestra NuovaKlassica” formata da musicisti provenienti dalle più prestigiose orchestre nazionali ed internazionali. Molto attiva a Roma con sede al Teatro Eliseo, è presente nel cartellone del prestigioso Oratorio del Gonfalone dove proporrà, tra gli atri, il programma che eseguirà per noi.

direttore d’orchestra Carlo Stoppoloni

violino Ernesto Celani

oboe Lamija Talam

soprano Hyo Soon Lee

eseguiranno un programma di musiche barocche molto interessante e vario:

Bach Concerto in la minore

Scritto per la piccola orchestra del principe Leopoldo, è uno dei tre concerti per violino di Bach che sono giunti fino a noi anche se, probabilmente, ne scrisse almeno una decina. Il violino funge non come strumento solista in senso moderno, ma come violino concertante, cioè rivaleggiante in bravura con gli altri. Gli assoli sono espressi con incredibile dolcezza melodica e con passaggi sempre più virtuosistici e il dialogo con l’orchestra è di straordinaria efficacia espressiva nella sua musicalità nobile ed elevata.

Vivaldi Concerto per archi e cembalo in re maggiore

In questo concerto si coglie il vero senso del Concerto barocco vivaldiano, con tutto il suo straordinario potenziale drammatico e teatrale: ogni frase musicale viene scacciata via da quella successiva, i sensi dell’ascoltatore sono di continuo sollecitati da frammenti, idee, guizzi, virtuosismi, riccioli decorativi, alternanza di piani e forti, da una grattata sulle corde, una dissonanza, un trillo stridulo. Tutto scorre per tener desta l’attenzione, per suscitare cioè la “meraviglia”.

Alessandro Marcello Concerto in Re minore per oboe, archi e basso continuo.

L’opera forse più famosa di Alessandro Marcello con il noto “Adagio” dai toni toccanti e malinconici che tanto è stato utilizzato nelle colonne sonore di molti film. In particolare Anonimo veneziano gli diede un’enorme notorietà.

Per finire alcune tra le più belle e virtuosistiche arie tratte dalle opere di Händel “Alcina”, “Giulio Cesare” e “Johsua” oltre alle cantate di BachAlso hat Gott die Welt geliebt“ e ”Mein gläubiges Herze” e all’aria “Agitata da due venti” tratta dalla “Griselda” di Vivaldi.

Amici della Musica di Città della Pieve