Home Uncategorized Batino (Pd) “Proponiamo Simona Meloni per il ruolo di vicepresidente del...

Batino (Pd) “Proponiamo Simona Meloni per il ruolo di vicepresidente del consiglio regionale”

Condividi

(comunicato stampa) Con queste riflessioni il PD del Trasimeno vuole offrire un contributo al dibattito ed al congresso regionale in termini di proposte e di gruppo dirigente.

Ad un mese esatto dalle elezioni regionali e dalla drammatica sconfitta del nostro partito– dice il segretario Sergio Batino -, come PD del Trasimeno tramite la sua segreteria, chiamiamo tutti ad una pronta e grande mobilitazione, quella che ad aggi non c’è stata, e sollecitiamo nuovamente l’avvio delle procedure per il congresso regionale. Chiediamo al commissario di chiamare tutto il partito dell’Umbria per un primo confronto e di individuare nei rappresentanti delle maggiori organizzazioni territoriali i garanti di questa fase, uscendo da logiche personali e di corrente.

Non basta cambiare i suonatori, deve cambiare musica, ed è per questo, e non per logiche personali, che diciamo che gli incarichi a partire da quelli istituzionali dovranno avere come riferimento i risultati e il consenso e non l’amicizia o altro. E’ con questa logica che riproponiamo per Simona Meloni il ruolo di vicepresidente del consiglio regionale. Non ci accontenteremo di una operazione di facciata, i cambiamenti devono essere veri e forti per poter tornare a costruire un Umbria più moderna, capace di creare lavoro e servizi, più semplice con meno burocrazia e più giusta, dove le persone ed i territori vengono trattati allo stesso modo. E questo sappiamo non lo darà alla gente un governo di centrodestra che parte tra le risse, che mette in giunta i non eletti senza nessun rispetto per il risultato elettorale e chiama a gestire la sanità umbra, circa l’80% del bilancio, un geometra veneto esperto in privatizzazioni. Così non si cambia, si peggiora.

Al Partito Democratico serve un congresso regionale vero – insiste Sergio Batino, a nome della segreteria del Trasimeno -, fondato su un franco confronto di idee sui problemi e sulle possibili risposte ai bisogni e al disagio di molti cittadini, partendo dai congressi di circolo per rifondarlo nei contenuti, nella organizzazione, nei suoi rappresentanti. Attraverso il congresso, prima di tutto, occorre rispondere a un’esigenza di vitale importanza rappresentata dalla definizione di una base di valori, di intenti e di obiettivi comuni nella quale tutti i Democratici umbri possano riconoscersi; bisogna insomma definire una piattaforma di riferimento e non cominciare il lavoro dalla discussione sui possibili candidati alla segreteria che sarebbe auspicabile vedano una separazione tra ruoli istituzionali e politici.

Quello che deve svilupparsi è il coinvolgimento dei territori, proprio a partire dal dibattito sulla definizione degli obiettivi e degli intenti comuni e generali del partito. Anche il gruppo dirigente del resto non può che essere ricostituito dal basso, partendo dai territori e dai circoli: sarebbe estremamente miope la scelta di calarlo dall’alto su una base che appare ormai stanca e sempre meno disposta ad accettare decisioni verticistiche, senza una vera discussione e un vero dibattito. Solo dalla partecipazione – conclude – può nascere un Umbria migliore”.

 

 

Condividi