Home Economia e lavoro Castiglione. A Claudio Sciurpa il prestigioso premio internazionale ‘Constantinus Magnus’ Per la...

Castiglione. A Claudio Sciurpa il prestigioso premio internazionale ‘Constantinus Magnus’ Per la sezione ‘Imprenditoria ed economia”. L’ad di Vitacraft Italia è “orgoglioso” e ai giovani dice: “Non mollate mai”

Condividi

 

(AVInews) L’imprenditore Claudio Sciurpa, amministratore delegato della Vitakraft Italia spa, con sede a Castiglione del Lago, ha ricevuto il prestigioso premio internazionale ‘Constantinus Magnus’ per la sezione ‘Imprenditoria ed economia’. La cerimonia di consegna si è svolta sabato 12 ottobre nella sala dell’Editto del Palazzo comunale di Spello, dove è conservato il ‘Rescritto di Costantino’, un importante documento epigrafico risalente all’anno 333. Promosso dal Sacro ordine imperiale militare nemagnico angelico costantiniano di san Giorgio e santo Stefano, con il patrocinio di Comune di Spello, Assemblea legislativa dell’Umbria e Consolato onorario della Federazione Russa di Ancona, “il premio consiste nel riconoscimento del giusto merito alle persone che si siano distinte, in virtù dei meriti acquisiti per lo sviluppo e la diffusione della cultura, dell’arte, della ricerca, della creatività, della scienza, e promosso i valori della libertà, della giustizia, della pace, della fratellanza universale, in Italia e all’estero, mediante il porsi al servizio della collettività e dell’umanità”. Tra i premiati anche il professor Johann de Bono, per la sezione ‘Scienza’; il professor Lucio De Giovanni per la sezione ‘Arte e cultura’ e il maestro Marco Misciagna per la sezione ‘Musica, cinema e spettacolo’.

“Sono orgoglioso, è un grande onore ricevere questo riconoscimento – ha dichiarato Sciurpa – perché significa che abbiamo realizzato qualcosa di importante anche se toccherà ‘ai posteri l’ardua sentenza’. Siamo partiti da sottozero, 35 anni fa e siamo riusciti a diventare un’azienda leader nel mercato italiano e mediterraneo. Non ci adagiamo sugli allori però, chi fa impresa non può permetterselo. Ci sono sempre nuove sfide da affrontare, problemi da risolvere e siccome i vincenti trovano sempre soluzioni mentre i perdenti trovano scuse, noi vogliamo vincere e trovare quindi le migliori soluzioni per andare avanti”. “Ai giovani dico di non mollare mai – ha aggiunto Sciurpa, alla guida di un’azienda leader nel mercato pet, produttrice di alimenti e accessori per gli animali da compagnia e che conta oltre cento dipendenti e un fatturato di circa 50 milioni di euro all’anno –. Gli ostacoli sono tanti, ma bisogna essere forti, coerenti, costanti, determinati. È la determinazione a portare al successo. Anche quando ho iniziato io c’erano problemi: adesso anche se i tempi sono cambiati ci sono risorse che prima non esistevano. Oggi come ieri dico: ‘Non mollate mai’”.

Perché un premio intitolato all’imperatore Costantino? “Due sono i riferimenti – ha spiegato Giorgio Bonamente, presidente della Commissione –. Innanzitutto l’Ordine costantiniano che lo organizza vede nella figura di Costantino la propria origine e la propria proiezione; secondo, l’importanza della città di Spello che possiede un documento di grandissimo valore, il Rescritto, con cui l’imperatore, o i figli immediatamente dopo la sua morte, hanno fatto una concessione importantissima a Spello, facendola diventare il punto di riferimento per le riunioni annuali di tutti gli umbri, riunioni che costituivano la base del rapporto tra la popolazione umbra e l’imperatore. Per fare questo occorreva innalzare un tempio, in onore della famiglia Flavia, la sua, e Costantino fece questa concessione, il che significava finanziarne la costruzione”. Il Rescritto è un documento importantissimo che ha innescato una revisione profonda in tutto il mondo delle interpretazioni della figura di Costantino e del suo essere il primo imperatore cristiano. Questo dà una proiezione di carattere generale a questo premio che riconosce nella figura di Costantino l’imperatore che ha permesso il passaggio fondamentale dalla civiltà antica a quella moderna”.

Rossana Furfaro