Home Sanità Castiglione. Batino “Da noi tutto tace come se la situazione sanitaria fosse...

Castiglione. Batino “Da noi tutto tace come se la situazione sanitaria fosse al massimo dell’efficienza”

Condividi

In molte parti dell’Umbria Amministrazioni locali, forze politiche, associazioni e cittadini si stanno mobilitando per rilanciare nel proprio territorio il ruolo e la presenza di servizi sanitari, a partire da quelli ospedalieri, nella diffusa consapevolezza della indispensabilità e della esigenza di vicinanza di tali strutture sopratutto dopo la pandemia, da noi tutto tace come se la situazione sanitaria fosse al massimo dell’efficienza.

Tutti sanno che non è così: ritardi inspiegabili nella realizzazione di lavori che procedono stancamente e che dovevano essere già terminati, mancanza di personale medico e infermieristico sia nei distretti di base che nelle strutture di degenza con la sostanziale chiusura dei servizi ospedalieri di Castiglione del Lago a partire dalla chirurgia che ha rappresentato per anni il reparto trainante.

La Regione Umbria e l’USL n.1 hanno assunto, a suo tempo, formali impegni , con gli otto comuni del Trasimeno con l’adozione di opportune delibere e sottoscritto con i singoli comuni protocolli specifici per l’adeguamento delle strutture e la realizzazione di specifici servizi che ad oggi non risultano rispettati né, per quanto a conoscenza pubblica, in via di approntamento.

Certo il covid ha reso la situazione difficoltosa ma nell’attesa che si abbiano elementi più chiari e certi sulla rilanciata possibilità del futuro ospedale unico del Trasimeno,  sarebbe opportuno che quegli impegni assunti dalla Regione si concretizzassero e a differenza del passato e si completassero i lavori e si assumesse il personale mancante rendendo pìù funzionali i servizi per consentire liste meno lunghe e prestazioni più vicine.

Compatibilmente con i limiti strutturali facciamo funzionare l’ospedale di Castiglione del Lago adeguando il personale mancante e completiamo le procedure per la realizzazione del distretto sanitario a suo tempo progettato e opportunamente validato dalla USL.

La qualificazione di tutti i distretti sanitari sia strutturalmente che con l’implementazione di personale, attrezzature e servizi non può che essere l’obbiettivo principale sul quale tutte le forze politiche e sociali, senza nessuna distinzione, dovrebbero lavorare.

Ma dovrebbero anche vigilare perché nella annunciata riforma della organizzazione dei distretti il territorio del Trasimeno anziché rafforzarsi e diventare un polo di aggregazione per aree che da anni gravitano sui propri servizi non venga frazionato e portato a supporto di altri con un ulteriore penalizzazione di cittadini che gìà  oggi sono i peggio trattati di questa Regione.

Sergio Batino

Condividi