Home Rubriche Castiglione. Il Distaccamento volontario dei Vigili del Fuoco è operativo Servizio garantito...

Castiglione. Il Distaccamento volontario dei Vigili del Fuoco è operativo Servizio garantito 365 giorni all’anno con un presidio acquatico

Condividi

Un nuovo presidio di sicurezza per Castiglione del Lago e per tutto il Trasimeno è stato inaugurato oggi ed è immediatamente operativo e pronto alle emergenze durante tutto l’anno. Si tratta del Distaccamento dei Vigili del Fuoco Volontari di Castiglione del Lago collocato nella caserma di Viale Divisione Partigiani Garibaldi, nei locali costruiti dalla Provincia di Perugia e che vengono ora utilizzati dai Vigili del Fuoco dopo uno specifico accordo di programma fra Provincia di Perugia, Comune di Castiglione e Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Perugia.

Sono intervenuti i rappresentanti regionali e provinciali del corpo dei Vigili del Fuoco, le autorità cittadine, la consigliera provinciale Erika Borghesi e Ivo Fucelli, funzionario della Prefettura di Perugia, esperto di protezione civile e “disaster manager”.
Il sindaco Sergio Batino ha ringraziato le istituzioni, disponibili a costruire questo presidio, ma soprattutto i ragazzi volontari che impiegano il loro tempo e la loro passione al servizio dei cittadini. L’ing. Raffaele Ruggiero, Direttore Regionale VVF dell’Umbria, ha ricordato l’impegno profuso in questi anni per  superare le notevoli difficoltà legate sia alla formazione del personale che agli aspetti logistici per consentire l’attivazione di questo presidio dei Vigili del Fuoco. L’ing. Francesco Notaro, Comandante Provinciale VVF di Perugia, ha ricordato che il Comando ha provveduto, anche per questa estate, ad istituire un presidio acquatico dei Vigili del Fuoco permanenti che è già operativo in orario diurno dallo scorso fine settimana e resterà operativo per  buona parte del mese di agosto e cioè nel periodo di maggiore affluenza dei turisti. Si tratta di tre unità VF esperti per la conduzione di mezzi nautici e per il soccorso in ambiente acquatico.

Per Borghesi è il risultato di un’azione sinergica rispetto alla quale la Provincia di Perugia ha fatto la sua parte “con costanza e credendo fortemente sull’utilità di questo progetto, a vantaggio non solo di Castiglione del Lago, ma dell’intera area del Trasimeno”.

Ritornando al Distaccamento Volontario il comandante Notaro ha precisato che la squadra di soccorso del nuovo Distaccamento Volontario, coordinata dalla sala operativa provinciale del 115, potrà essere chiamata ad intervenire nel territorio dei Comuni di Castiglione del Lago, Tuoro sul Trasimeno, Passignano sul Trasimeno (limitatamente alla zona ovest), Panicale, Paciano e Magione (limitatamente alla zona di S. Arcangelo).
Da oggi viene attivato un servizio dei Vigili del Fuoco per 365 giorni all’anno, quello che occorreva al territorio per aumentare la sicurezza dei cittadini residenti e dei tantissimi turisti che frequentano il lago Trasimeno. In questa provincia è il quarto distaccamento volontario  dei Vigili del Fuoco dopo quelli di Sellano, Norcia e Città della Pieve. Come spiegato dall’ing. Maurizio Fattorini, responsabile delle Relazioni Esterne del Comando provinciale dei VVF, i volontari hanno superato un duro e selettivo corso di formazione teorico e pratico di 140 ore, svolto tra marzo ed aprile: un corso organizzato con una parte teorica, che si è svolta tutta a Castiglione del Lago, e con una parte pratica, fatta di prove ed esercitazioni molto impegnative che, per questioni relative alle strutture e alle attrezzature, come ad esempio il “castello” di manovra, sono state svolte a Perugia nella sede del Comando Provinciale. Presso il nuovo Distaccamento di Castiglione del Lago è disponibile un contingente di 25 unità, naturalmente divisi nei vari turni e tenendo conto delle sostituzioni per assenze, ferie e malattie. Sono stati 16 i partecipanti risultati idonei nei recenti corsi mentre altri 9 volontari erano stati già formati in precedenza: si potrà poi contare anche su alcuni vigili volontari che hanno fatto il servizio militare nel Corpo, fino che esisteva la leva obbligatoria, e sono attualmente “vigili discontinui” inseriti anche loro nei turni a Castiglione. Tutti i volontari sono stati preparati con molta cura e attenzione per espletare interventi tecnici e di soccorso sul territorio, quelli che si richiedono al 115. (Cittadino e Provincia)