Home Cronaca Chiodini “Quello che sta accadendo a Riccardo Capecchi è grave e merita...

Chiodini “Quello che sta accadendo a Riccardo Capecchi è grave e merita la massima attenzione”

Condividi

Ieri il Consiglio comunale di Magione, dopo una votazione analoga a Castiglione del Lago, ha voluto approvare all’unanimità un documento di solidarietà e sostegno nei suoi confronti.

Riccardo viene infatti trattenuto da quasi due anni in Perù, un Paese stravolto dalla pandemia come tutto il Sudamerica.

È accusato – per una rocambolesca vicenda che ruota attorno all’intestazione a suo nome di un’auto – di traffico di droga. Si è sempre dichiarato estraneo ai fatti e anche i vari giudici peruviani che si sono occupati del caso non sono mai riusciti in concreto a dimostrare un suo effettivo coinvolgimento. Conoscendo personalmente Riccardo so – come sanno tutti i suoi amici – che questo coinvolgimento è destituito di ogni fondamento.

Intanto – tra pandemia, cambio di giudici e riavvio del processo – il tempo passa e Riccardo rimane a Lima, isolato e lontano dai suoi affetti dal maggio 2019. Per fortuna non si trova più incarcerato, ma la sua situazione rimane difficile e precaria.

Per questo va aiutato e sostenuto in tutti i modi. Il Ministero degli Esteri, attraverso il consolato di Lima ha fatto molto. Ma non basta. Serve l’impegno di ciascuno di noi. Dopo tutto questo tempo Riccardo deve poter rientrare in Italia e partecipare al processo da casa. Rimane in lui la fiducia nella giustizia, ma questa non sembra avere tempi rapidi e modalità ragionevoli.

Siamo certi che Riccardo dimostrerà infine la sua innocenza e presto lo riabbracceremo qui al Trasimeno

Nell’immagine un sit-in organizzato a Castiglione del Lago dal comitato

Verità su Riccardo

alla presenza di amici, familiari e anche dei sindaci dei due Comuni.

PS: C’è anche una raccolta firme in corso, aderiamo numerosi

Giacomo Chiodini

Sindaco di Magione

Condividi