Home ambiente Chiusi. Tra Alta Velocità e rischio di allungamento dei tempi dei treni...

Chiusi. Tra Alta Velocità e rischio di allungamento dei tempi dei treni normali

Condividi

Trattando e approfondendo il tema delle comunicazioni veloci per la nostra zona, abbiamo parlato con diversi esperti del tema trasporti e ferrovie ed in particolare con tecnici che conoscono da vicino le caratteristiche dei percorsi , delle linee e dei mezzi che attualmente fanno scalo a Chiusi, sia in direzione Nord che Sud.

Parlando di questo siamo venuti a sapere che mentre è ancora incerta la prospettiva di avere qualche fermata dell’alta velocità nello scalo chiusino è molto probabile, al contrario , che per alcuni progetti che si intendono realizzare sulle linee elettriche , i tempi di percorrenza delle attuali linee rischiano di allungarsi notevolmente.

Questo che segue è i dettaglio della ricostruzione che abbiamo fatto in base alle informazioni ricevute.

Stazione di Chiusi. Situazione odierna

Direzione Roma ed oltre

n° 7 intercity da 1h 06m a 1h45m di percorrenza per raggiungere roma.

il primo parte alle 6,12, l’ultimo alle 19,45.

il primo regionale parte alle 4,00, l’ultimo alle 22,59

gli interregionali veloci partono circa ogni 2 ore   (ho arrotondato l’orario). x arrivare a Roma impiegano circa 1h50m circa, tranne quello delle 8,30 che percorre tutta linea tradizionale (lenta) e ci impiega 2h18m!!!! gli altri percorrono linea tradizionale fino ad Orte dove salgono in direttissima (dd). in tale tratto risparmiano circa 30m rispetto alla linea tradizionale.

i giorni festivi (domenica e festivita’) alcuni dei treni suscritti sono soppressi.

Direzione Firenze ed oltre

n° 7 intercity da 1h06m ad 1h37m di percorrenza per raggiungere firenze. il primo parte alle 0h07m, l’ultimo alle 20,24 :

il primo regionale parte alle ore 5,00, l’ultimo alle 21,47:

dalle 5,00 alle 7,58 n° 8 treni (giorni feriali). nei festivi sono 4:

gli interregionali veloci partono circa ogni 2 ore.tali treni percorrono la linea tradizionale fino a Figline, dove salgono in direttissima, risparmiando circa 20/25 m :

usufruendo di questi treni a firenze cambiando e prendendo un alta velocita’ (trenitalia/italo) in 2,30/3,00h si raggiunge bologna, in 4/4,30h milano, 5/5,30h torino, 4/4,30h venezia:

Se qualche Eurostar fermasse a Chiusi si potrebbe risparmiare fino ad un’ora e mezza sui tempi suddetti, grazie alla maggiore velocita’ e alla cessata necessita’ di cambiare treno a Firenze e Roma.

I giorni festivi alcuni dei treni suddetti sono soppressi.

Le linee alta velocita’ rappresentano circa 1.350 km dei 24.500 totali.di questi 1350 km solo la direttissima Roma/Firenze fornisce una tensione di linea di 3000 volts in corrente continua. le altre linee sono alimentate a corrente alternata 25000 volts. Tutti i treni ad alta velocita’ sono tecnicamente attrezzati per viaggiare con entrambe le tensioni. i treni regionali possono percorrere solo linee a 3000 volts. tra i locomotori che trainano gli intercity solo 80 esemplari su 144 possono essere alimentati indifferentemente da 3000 e 25000. gli altri solo a 3000.

Sembra che sia volonta’ dell’azienda cambiare, in un futuro non troppo lontano (non hanno ancora deciso quando) la tensione di linea anche nella direttissima Roma/Firenze.

Per quanto su scritto, qualora non cambiassero tipo di locomotori utlizzati, gli interregionali veloci (tutti) ed alcuni intercity non potrebbero più percorrere la linea direttissima, con un aggravio notevole nei tempi di percorrenza (circa 2h20m per andare sia a Roma che a Firenze).

Inoltre con il prossimo cambio orario di dicembre sulla linea direttissima Roma Firenze aumentera’ il numero dei treni alta velocita’ di 15 unita’. Il rischio che si corre è che la linea direttissima, in certe fasce orarie, sarà satura di alta velocità, con la conseguente scelta delle ferrovie di dirottare fin da ora gli interregionali sulla linea tradizionale. gli interregionali hanno l’handicap della velocità massima di 160km/h a fronte dei 250km/h dei treni AV, mentre gli intercity invece vanno a 200km/h.

 

 

Condividi