Home Rubriche Città della Pieve. Il Calvino a fianco degli studenti e della professoressa...

Città della Pieve. Il Calvino a fianco degli studenti e della professoressa di Palermo Nota stampa del Dirigente Scolastico, dei Docenti, del Personale ATA dell’Istituto “I. Calvino”

Condividi

Questa mattina si è svolta presso l’Istituto Calvino di Città della Pieve una manifestazione di solidarietà con  gli studenti di Palermo e con la loro insegnante vittima di provvedimenti disciplinari per dei filmati pubblicati in occasione della Giornata della Memoria. Questo che segue è il testo del comunicato che è stato letto e reso pubblico in occasione dell’iniziativa. 

“Alcuni alunni dell’Istituto “Vittorio Emanuele” di Palermo, in un lavoro di approfondimento sulla Giornata della Memoria, hanno paragonato le leggi razziali e la conferenza di Evian del 1938 al decreto sicurezza e al vertice di Innsbruck dei giorni nostri; un accostamento piuttosto forzato, forse non condivisibile, non abbastanza fondato né epistemologicamente rigoroso. Opinabile. Discutibile.
Appunto, discutibile: oggetto di discussione, critica, confronto; a scuola, spazio di dialogo in cui cerchiamo di educare i nostri ragazzi a esprimere le proprie opinioni (magari acerbe e scomposte e provocatorie, com’è spesso, naturalmente, il pensiero di un adolescente) e ad approfondirle, arricchirle, modificarle nel confronto con docenti e compagni.
Perché la scuola è laboratorio di libertà e spirito critico, non fabbrica di consenso.
Ma questo spazio fragile e prezioso di crescita nella partecipazione democratica è stato invaso, con la tempestiva e goffa violenza propria di tutte le censure, dall’USP di Palermo, che ha sanzionato la docente dei ragazzi, prof.ssa Rosa Maria Dell’Aria allontanandola dalla scuola e dimezzandole lo stipendio, e soprattutto ha colpito i suoi allievi, i quali da quest’esperienza dovrebbero trarre un insegnamento ferocemente cinico: studiare significherebbe adeguarsi alle regole di un’ortodossia, e affrettarsi a rifiutare qualunque deviazione del pensiero come eretica; non sarebbe, piuttosto, avventura, tentativo, errore, confronto, scoperta, ripensamento, libera ricerca.
Noi – docenti, personale ATA, dirigente dell’istituto “Calvino” di Città della Pieve – siamo direttamente colpiti da questo provvedimento, che punendo la nostra collega offende al tempo stesso la sua libertà di insegnamento e la libertà d’opinione dei ragazzi: due diritti in un abuso solo.
La nostra protesta di oggi esprime solidarietà e stima alla prof.ssa Dell’Aria e ai suoi alunni e l’intenzione di continuare a sognare e a costruire – come loro – “il miracolo che solo la scuola può compiere: trasformare i sudditi in cittadini” (P. Calamandrei).”

Il Dirigente Scolastico, i Docenti, il Personale ATA dell’Istituto “I. Calvino” di Città della Pieve