Home ambiente Città della Pieve. Il Comune fa il punto sulle strade Dal giornale...

Città della Pieve. Il Comune fa il punto sulle strade Dal giornale on line del Comune di Cittù della Pieve.

Condividi

L’attenzione alle condizioni delle nostre strade – si dice nell’articolo- è sempre massima. Nell’ultimo periodo sono stati eseguiti diversi interventi di bitumatura che hanno interessato alcuni tratti delle strade regionali e provinciali, anche di questo territorio, di cui si attendeva da tempo l’esecuzione.

Lo scorso 10/10/2017 nel municipio Comune di Città della Pieve si è svolto un incontro proprio sull’argomento viabilità a cui hanno partecipato l’Assessore Regionale ai trasporti Giuseppe Chianella, quello provinciale Erika Borghesi, i Sindaci di Città della Pieve, Panicale, Piegaro, Fabro e Paciano insieme a dirigenti e funzionari della Provincia.

Sono state esaminate alcune problematiche e poste alcune richieste relative ad adeguamenti ed interventi su alcuni dei più importanti tratti stradali dell’area:

 Pievaiola
E’ stata sottolineata la necessità di accelerare gli interventi per completare le rotonde di Stozzacapponi, Castel del Piano ed al contempo si è richiesto da parte dei comuni un rapido avvio della restante parte dei lavori; quella che deve svilupparsi nel tratto tra Fontignano e Capanne. Siccome il protocollo d’intesa sottoscritto da tutti gli enti interessati prevedeva l’utilizzo delle economie nel tratto non interessato dai lavori in questione il Comune di Città della Pieve ha richiesto nuovamente che le risorse che man mano si liberano vengano immediatamente impiegate per tali lavori. Regione e Provincia si sono riservate in proposito di verificarne la fattibilità.

 S.P. 308 – tratto II°
Parliamo della strada di Fondovalle, un’arteria, parallela all’A1, su cui si va sempre di più intensificando un traffico notevole. Sempre la “Fondovalle” è l’alternativa all’Autosole nei casi di interruzione tra i caselli di Chiusi e Fabro. Queste considerazioni ne fanno sufficiente motivazione per cui le Amministrazioni locali ne richiedano il passaggio ad ANAS sollecitando in tal senso l’intervento di Provincia e Regione. Accanto a questa richiesta si aggiunge la necessità di prevedere due rotonde, la prima nel bivio di Ponticelli e la seconda in quello di Fabro. Sull’incrocio di Ponticelli in particolare sono stati registrati nel tempo numerosi incidenti e la richiesta di un intervento legato alla sicurezza cresce forte dalla stessa popolazione. La Provincia ha presentato su questo uno studio di fattibilità

Non essendo al momento in grado di individuare le possibili modalità di finanziamento dell’intervento verranno effettuati una serie di approfondimenti per verificare le possibili soluzioni.

S.P. 309 – tratto I°

La strada Moianese viene fatto oggetto di particolari attenzioni proprio perché una sua sistemazione consentirebbe di migliorare in modo decisivo l’intera percorrenza tra Chiusi e Perugia, proprio nel quadro di completamento degli interventi di cui è oggetto la stessa Pievaiola. Una percorrenza veloce tra Chiusi e Perugia andrebbe a beneficio dell’intera area a sud del Trasimeno, creando un punto di accesso ad uno dei nodi principali delle infrastrutture ferroviarie e stradali dell’Italia Centrale, a vantaggio ovviamente dell’intera Regione Umbria. Si è valutata in particolare l’ipotesi di una variante verso la S.R.71 che possa escludere il passaggio all’interno dell’abitato di Palazzolo/Moiano, realizzando un nuovo tratto di circa 500 mt. che ne accorcia pure la percorrenza. Un’ipotesi che i comuni ritengono estremamente interessante e su cui occorre iniziare seriamente a costruire proposte concrete.

S.R. 71

Tutte le Amministrazioni hanno convenuto sull’importanza del recente passaggio ad ANAS dell’intero tratto che, secondo quando riferito dall’Assessore Regionale Chianella dovrebbe completarsi nel corso del 2018, consentendo così un maggiore riconoscimento ad una strada che collega per ben quattro regioni. La Provincia di Perugia ha sottolineato come il passaggio segue comunque importanti interventi di sistemazione realizzati recentemente proprio nel tratto di competenza.