Home Ambiente e Territorio Declassamento terreni edificabili. Fratelli d’Italia Castiglione del Lago ” Occorre chiarezza”

Declassamento terreni edificabili. Fratelli d’Italia Castiglione del Lago ” Occorre chiarezza”

Condividi

La sbandierata mozione della Lega castiglionese secondo cui si è avviato il processo di riclassificazione a suolo agricolo di alcuni terreni, oggi edificabili, nasconde in realtà degli ostacoli che i concittadini è bene che conoscano prima di aderirvi, con il solo fine di non pagare l’IMU.
Premesso che la mozione non è mai stata ne discussa e ne approvata in Consiglio Comunale e quindi ignota a tutti se non ai proponenti, il confronto oggi è limitato al tavolo della Commissione Urbanistica.
Qui sono in discussione sia una serie di istanze di varianti al Piano Regolatore presentate dai cittadini e dai tecnici nel corso degli anni, sia le condizioni che i richiedenti dovranno seguire per presentarne di nuove, sia quello cui si dovrà ottemperare se si decidesse di tornare sui propri passi e chiedere nuovamente l’edificabilità dei terreni declassati.
E tali condizioni, su cui il Gruppo Fratelli d’Italia Castiglione del Lago sta lavorando affinché non siano troppo gravose, sono al momento in realtà tutt’altro che vantaggiose per i cittadini: quasi che valga più la pena di pagare l’IMU sui terreni piuttosto che rinunciare oggi ai diritti edificatori e fra qualche anno pentirsene amaramente qualora si voglia tornare in possesso dell’edificabilità dei suoli.
Oltre al fatto che la procedura di variante alle norme vigenti del Piano Regolatore necessità di svariati mesi e se tutto andasse bene dal solo 2022 si potrà usufruire dell’eventuale esenzione al pagamento della tassa immobiliare.
Sarebbe quindi opportuno, onde non generare false aspettative nella cittadinanza, diffondere notizie complete, farlo quando le stesse siano definite in tutti gli aspetti, ma soprattutto farlo quando approvate dal Consiglio Comunale.
Ma questa è una virtù non di tutti…

Il Gruppo Fratelli d’Italia Castiglione del Lago

Condividi