Home Politica Elezioni 2018.” Fusione fra Toscana e Umbria, per pesare di più” lo...

Elezioni 2018.” Fusione fra Toscana e Umbria, per pesare di più” lo ha detto il Presidente Enrico Rossi di LeU Una proposta del Presidente della Toscana nel corso di una conferenza a Castiglione del Lago

Condividi

(Comunicato stampa). Il Presidente della Toscana Enrico Rossi e’ intervenuto martedi 27 a due iniziative molto partecipate in Umbria, promosse da Liberi Uguali; al Trasimeno con una Conferenza Pubblica presso Palazzo Corgna di Castiglione del Lago, sui temi dello sviluppo ed a una cena di autofinanziamento ad Assisi.

Parlando alla Conferenza del Trasimeno, presente il candidato alla Camera dei Deputati ,Mazzoni, ha chiarito come LeU sia una evoluzione a Sinistra che porterà in breve alla costruzione di una nuova formazione unitaria riformatrice e collegata alla Sinistra di Progresso in Europa, assoluta ed unica positiva novità, in Italia ,in questa campagna elettorale.

In particolare in conclusione , sollecitato dal pubblico e dal Coordinatore della serata ,Primi, ha calato un Asso sul Tavolo: la ripresa della stretta Collaborazione tra Umbria e Toscana, gia’ avviata da tempo, il rilancio del VATO e delle politiche comuni come   Trasporti (Alta Velocità e polo di Chiusi) e Sanita’, poli Siderurgici (esempi di Terni e Piombino) e la stessa Cooperazione oggi con seri problemi in Umbria, in particolare nel comprensorio lacustre.

Queste collaborazioni, ha ribadito con Forza il Presidente Rossi, dovrebbero portare finalmente a valutare tutte le ipotesi di reale Fusione tra Umbria e Toscana in una unica ENTITA’ Regionale, di oltre 4 milioni e mezzo di abitanti, dando una reale forza sul Tavolo Nazionale  ,ora monopolizzato da altri con numeri molto piu’ ampi. Tale ipotesi già oggetto di documenti formali tra l’Umbria e Toscana, oltre che le Marche, e’ in una fase di stallo che va al contrario, ha ribadito Rossi, rapidamente superata.

Il tal senso il Presidente Enrico Rossi ha proposto una inizativa formale, al Trasimeno, area di cerniera tra le due Regioni , subito dopo le elezione del 4 marzo, iniziativa su cui si impegnerà in prima persona.