Home Politica Elezioni 2018. Silvestri ( Potere al Popolo) ” Le ragioni della mia...

Elezioni 2018. Silvestri ( Potere al Popolo) ” Le ragioni della mia candidatura” Una nota del candidato di "Potere al Popolo" nel collegio di Orvieto

Condividi

Sono Fiorangelo Silvestri, vivo e lavoro ad Orvieto. Agricoltura e meccanica applicata al settore agricolo hanno sempre costituito il campo di interesse principale della mia attività.

La mia appartenenza ideologica e la mia militanza si sono sempre collocate all’interno della sinistra storica, quella prima della disgregazione iniziata nel 1992.

Con l’adesione e la candidatura al Senato nel collegio proporzionale della Regione Umbria, nella liste di Potere al Popolo, vedo l’unico contrasto all’inefficienza di anni di politica, non certo di sinistra, troppo distante dai problemi della gente, specialmente dei più deboli.

Questo nuovo Soggetto plurale nasce dalla aggregazione di movimenti, comitati e forze politiche storiche il cui comune ideale comunista non ha trovato possibili e coerenti punti di condivisione con le forze del panorama politico nazionale.

Abbiamo dovuto constatare purtroppo, come la identità di sinistra, dichiarata a gran voce negli intenti, male si esplica ed ancora peggio si traduce, nelle dichiarazioni, nelle azioni, nelle prevaricazioni e nelle scelte poste in essere.

I valori fondanti ed il ruolo dello Stato, i diritti primari ed irrinunciabili dell’individuo, la dignità del lavoro, le opportunità, le tutele ed il sostegno ai più deboli, sono le criticità diffuse e mai risolte che hanno spinto non politici di mestiere, bensì persone di varia formazione ed esperienza a farsi protagonisti diretti di un processo di denuncia e di radicale cambiamento che può originarsi soltanto dalla gente e tra la gente.

Con questa convinzione di base, in totale difformità con la blindatura mascherata da democrazia, voluta dalla legge elettorale, che ha prodotto le lotte a destra ed a sinistra per la formazione delle liste, i candidati al POTERE AL POPOLO, per i collegi di ciascuna Regione, sono stati scelti all’interno di assemblee popolari pubbliche tenute in diversi contesti territoriali, a garanzia della più ampia, libera e partecipata rappresentanza della gente.

La gente, e siamo in tanti, avverte una necessità improrogabile di uno STATO rappresentativo e garante delle persone, che assicuri nei fatti, e non solo nelle promesse elettorali, eguaglianza e diritti a tutti. La gente ha bisogno di uno STATO che assicuri SALUTE, il LAVORO, l’ISTRUZIONE, la PREVENZIONE o molto più in breve: LA DIGNITA’ DI VITA ED IL BENESSERE SOCIALE.

Per questo vogliamo uno STATO che lavori per una EUROPA dei cittadini e non della finanza o del capitale di pochi, vogliamo uno STATO che si riappropri a pieno dei SERVIZI PRIMARI IMPRESCINDIBILI cioè dire ENERGIA, TRASPORTI, ACQUA, SANITA’, SICUREZZA, SCUOLA, CULTURA e che ci costruisca sopra OPPORTUNITA’ E LAVORO.

Vogliamo uno STATO che in ogni momento sia consapevole di essere rappresentante e delegato dei cittadini ai quali è tenuto a render conto con il rispetto del mandato assunto senza potersi arrogare il diritto di decidere in proprio.

Fiorangelo Silvestri