Home Arte e cultura “Il borgo dei borghi 2017”, a Pasqua il verdetto finale Nella serata...

“Il borgo dei borghi 2017”, a Pasqua il verdetto finale Nella serata speciale su Rai 3 del 16 aprile si saprà se Panicale si è aggiudicata il prestigioso titolo

Condividi

Ancora due giorni prima di conoscere il nome del vincitore del concorso televisivo “Il borgo dei borghi”. Sarà infatti annunciato domenica 16 aprile, nel corso di una prima serata su Rai 3 condotta da Camila Raznovich il verdetto finale della sfida lanciata dalla trasmissione “Kilimangiaro”. Sfida che vede l’Umbria, come noto, rappresentata dal borgo di Panicale.

Nella serata speciale di Pasqua saranno presentati uno ad uno i venti borghi partecipanti, ciascuno in rappresentanza di una diversa regione italiana.

Il vincitore sarà decretato dalla somma dei voti espressi on line sul sito web del Kilimangiaro e da una giuria di esperti, composta dalla chef stellata Cristina Bowermann, dallo storico dell’arte Philippe Daverio e dal geologo Mario Tozzi. A consegnare la targa al vincitore sarà Virginie Vassart, ambasciatrice delle bellezze dei borghi italiani, che ha accompagnato i telespettatori dal nord al sud del nostro Paese alla scoperta di ricchezze dall’inestimabile valore.

Una grande festa, quindi, per celebrare la bellezza dei piccoli centri del nostro Paese: proprio quest’anno, infatti, in linea con il Piano strategico del Turismo 2017-2022 il Ministero dei Beni Culturali ha proclamato l’Anno dei Borghi, un modo per celebrare, valorizzare e difendere un patrimonio straordinario.

I borghi in gara sono: Arquà Petrarca (Veneto), Canale di Tenno (Trentino Alto Adige), Castel Gandolfo (Lazio), Castelmezzano (Basilicata), Castiglione di Sicilia (Sicilia), Conca dei Marini (Campania), Fiumefreddo (Calabria), Gressan (Valle d’Aosta), La Maddalena (Sardegna), Montecassiano (Marche), Montegridolfo (Emilia Romagna), Orta San Giulio (Piemonte), Otranto (Puglia), Panicale (Umbria), Rocca San Giovanni (Abruzzo), Suvereto (Toscana), Tellaro (Liguria), Vastogirardi (Molise), Venzone (Friuli Venezia Giulia), Zavattarello (Lombardia).