Home Uncategorized Il concerto di Trasimeno Blues apre la 37° edizione della Festa del...

Il concerto di Trasimeno Blues apre la 37° edizione della Festa del Giacchio di San Feliciano La festa sul lungolago si terrà dal 27 luglio al 6 agosto con tante iniziative legate alla storia e alla tradizione del Trasimeno

Condividi

Si apre con le raffinate note di Mia Nkem Favour, straordinaria interprete della tradizione afroamericana, la 36° edizione della Festa del giacchio in programma da giovedì 27 luglio a domenica 6 agosto a San Feliciano di Magione organizzata dalla locale proloco. La band che la accompagna è costituita da alcuni tra i migliori musicisti Blues in Italia, già esponenti dei genovesi Big Fat Mama e Mama’s Pit, gruppi storici del Blues italiano. Lo spettacolo si dipana tra classici del genere e brani originali, offrendo un impatto solido e articolato, con un sound potente e raffinato al tempo stesso.

La manifestazione che vede uno dei suoi punti forti nella cucina a base di pesce di lago, in questa frazione ha la sua sede la Cooperativa pescatori del lago Trasimeno, propone molti appuntamenti legati alla storia e alla tradizione del lago. Rientrano in questo obiettivo la presentazione, sabato 29 luglio, del romanzo Dodici città di Matteo Bruno, avventuroso romanzo che vede protagonista Porsenna, il Grande Re dell’Etruria.

Il Museo della pesca, luogo di elezione della cultura lacustre, è protagonista di due iniziative: domenica 30 e sabato 5, ore 22, visita guidata con il pescatore Rino e 1 e 4 agosto con la visita guidata alla mostra “San Feliciano in rete. Dalla pesca al ricamo” con dimostrazioni del ricamo stesso.

Non mancano i momenti spettacolari con fiaccolate delle barche a cura del Circolo rematori, la sfilata della fanfara dei bersaglieri di Casteldaccia, Palermo, in occasione del 50° della fondazione sezione bersaglieri Quinto Chiodini di Magione e la tradizionale chiusura con i fuochi d’artificio sul pontile dell’imbarcadero.

Le festose serate danzanti accompagneranno la cena allestita sul lungo lago con tatti piatti tipici della cucina lacustre.