Home Arte e cultura Il teatro delle emozioni va in scena al Mengoni con la stagione...

Il teatro delle emozioni va in scena al Mengoni con la stagione ragazzi “Pollicino, sentieri teatrali” Cinque spettacoli proposti dalla Compagnia Teatrale Magionese con la direzione artistica di Enrico De Meo di PaneDentiTeatro

Condividi

Una grande festa del teatro in piazza per presentare la prima edizione della rassegna teatro ragazzi “Pollicino – sentieri teatrali” che prenderà ufficialmente il via domenica primo ottobre al teatro Mengoni di Magione, ore 17.30, con lo spettacolo “Biancaneve, la vera storia” della compagnia Crest.

La rassegna rappresenta un ulteriore tassello al progetto la Compagnia Teatrale Magionese sta portando avanti per promuovere il teatro tra le giovani generazioni. Dopo quattro anni di laboratori teatrali, organizzati grazie alla collaborazione con Fontemaggiore che hanno visto progressivamente aumentare le iscrizioni proprio nella fascia d’età più giovanile, arriva una proposta di spettacoli che porta sul palco del Mengoni alcune delle compagnie teatrali più premiate a livello nazionale.

Cinque gli appuntamenti, tutti nelle domeniche del mese di ottobre, suggeriti dal direttore artistico Enrico De Meo dell’associazione PaneDentiTeatro. Allo spettacolo del primo ottobre fa seguito, domenica 8 ottobre, la divertente rappresentazione “BU!” storia di paura portata in scena da Claudio Milani della compagnia Momom. Si prosegue domenica 15 ottobre con una produzione di Fontemaggiore Teatro di innovazione “Storia tutta d’un fiato” tratta dal racconto di Roberto Piumini “Narco degli Alidosi”. Il programma prosegue con “Zac, colpito al cuore” il 22 ottobre e si chiude domenica 29 con “Sogni in scatola” della compagnia Nani Rossi.

“Il teatro è emozione – spiega il direttore artistico Enrico De Meo – ed è quello che abbiamo voluto dare ai piccoli spettatori, ma anche agli adulti perché si tratta di spettacoli di grande profondità anche se scelti per un pubblico di bambini. Una poetica delle emozioni che trova il suo punto più alto nello spettacolo di chiusura che, seppur completamente muto, incanta per il gioco proposto dai due attori”.
Il progetto, patrocinato dal Comune di Magione, è realizzato con il sostegno di sponsor e con la collaborazione delle associazioni Scuola x Genitori, Laboratorio Magione, Doremilla, Anonimi Perugini.