Home Uncategorized JazzLife. Anche Castiglione  protagonista del nuovo format di Umbria Jazz

JazzLife. Anche Castiglione  protagonista del nuovo format di Umbria Jazz

Condividi

JazzLife. anche Castiglione  protagonista del nuovo format di Umbria Jazz

Il trio di Gabriele Mirabassi in un concerto speciale alla Rocca del Leone disponibile su “Italiana”, il nuovo portale del Ministero degli Esteri

La Rocca del Leone di Castiglione del Lago protagonista di uno dei concerti di “JazzLife”, il format creato da Umbria Jazz disponibile su “Italiana”, il nuovo portale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale che valorizza nel mondo le eccellenze culturali del nostro paese. Castiglione del Lago, una delle storiche tappe di Umbria Jazz nelle sue prime edizioni itineranti negli anni ’70, è stata scelta dalla manifestazione per ospitare Gabriele Mirabassi. Clarinettista di fama mondiale, in equilibrio tra musica classica, jazz e tradizione brasiliana, Mirabassi con le note del suo trio (insieme a Nando Di Modugno alla chitarra e a Pierluigi Balducci al basso acustico) guida il pubblico alla scoperta della Rocca e del meraviglioso scenario del Lago Trasimeno.

«Castiglione del Lago e il Trasimeno sono uno dei palcoscenici naturali dell’Umbria che questo progetto sta valorizzando», afferma il Sindaco di Castiglione del Lago, Matteo Burico. «Il brand Umbria Jazz è un valore e un’opportunità per tutta la comunità castiglionese e un grande veicolo per la promozione del territorio. Questa amministrazione è convinta che la ripartenza – non solo per Castiglione del Lago ma per tutta l’Umbria – debba passare per la cultura, come testimonia il grande impegno profuso per sostenere le iniziative sul nostro territorio: impegno che già nel 2020 si è concretizzato, nonostante le difficoltà del periodo storico, in una significativa stagione estiva di eventi che ha trovato proprio nella Rocca il suo fulcro».

«Siamo molto orgogliosi di questo progetto, che rappresenta senza dubbio un ottimo veicolo per la promozione della nostra regione», dichiara il Presidente della Fondazione Umbria Jazz, Gian Luca Laurenzi. «La magia di questi luoghi unita alla creatività dei musicisti ha dato vita ad un prodotto che sta suscitando grande interesse e l’apprezzamento di un pubblico sempre più ampio».

Presentato ufficialmente il 4 marzo, “JazzLife” vuole raccontare il patrimonio artistico dell’Umbria attraverso gli occhi e le note di musicisti che rappresentano al meglio il panorama musicale jazzistico italiano. Le riprese, realizzate nel settembre 2020, sono state realizzate in quattro luoghi storici e significativi per Umbria Jazz: Perugia e Orvieto, sedi delle versioni estiva e invernale del festival, Gubbio e Castiglione del Lago, tappe delle prime edizioni itineranti della manifestazione negli anni ’70. Il quartetto di Fabrizio Bosso, Rita Marcotulli e Dado Moroni, la Cosmic Renaissance di Gianluca Petrella e il trio di Gabriele Mirabassi si sono esibiti rispettivamente al Cassero di Porta Sant’Angelo di Perugia, all’esterno del Duomo di Orvieto, al Teatro Romano di Gubbio e alla Rocca del Leone di Castiglione del Lago.

La musica è il filo conduttore di un racconto che si sviluppa attraverso incontri con personaggi del luogo, enogastronomia, arte e storia. Colonna sonora della narrazione, la personalità e la creatività di musicisti capaci di vedere il territorio con occhi appassionati, sensibilità fuori dal comune e punti di vista inaspettati. Gabriele Mirabassi ha esplorato il centro storico di Castiglione del Lago e il lungolago, ricordando alcuni aneddoti che lo legano al territorio e ripercorrendo le location storiche della manifestazione negli anni ’70 a bordo lago. Dal birdwatching ai prodotti tipici, dalla pesca al recupero delle barche tradizionali, Gabriele Mirabassi e il suo trio hanno scoperto – e riscoperto – tutte le eccellenze del territorio castiglionese, per concludere con la musica, nella splendida cornice della Rocca del Leone.

Su https://www.umbriajazz.it tutte le puntate, gli artisti e le location.

comunicato stampa

 

Condividi