Home Arte e cultura La Coop Lagodarte si aggiudica un finanziamento per l’animazione di Palazzo Corgna...

La Coop Lagodarte si aggiudica un finanziamento per l’animazione di Palazzo Corgna e del Centro Storico Funziona l'integrazione tra attori culturali

Condividi

(AKR) La Coop Lagodarte di Castiglione del Lago sì è aggiudicata un finanziamento erogato attraverso bando regionale, con fondi POR FESR 2014-2020, rivolto alle imprese culturali per il “Supporto allo sviluppo di prodotti e servizi complementari alla valorizzazione di identificati attrattori culturali e naturali del territorio, anche attraverso l’integrazione tra imprese delle filiere culturali, creative e dello spettacolo”. Il budget del progetto ammonta a 138 mila euro e prevede un cofinanziamento dell’azienda aggiudicataria pari al 30% dell’importo.
Con questa iniziativa progettuale Lagodarte intende dare organicità e sistematicità ad una serie di azioni di valorizzazione degli attrattori culturali dello splendido Palazzo della Corgna, della maestosa e panoramica Rocca Medievale e dell’interessante complesso museale di San Domenico, qualificando i siti e facendoli diventare un’occasione di crescita dell’offerta culturale e turistica della città ma anche di business aziendale. «Dal nostro osservatorio di concessionari della gestione del percorso museale Palazzo della Corgna-Rocca Medievale e del teatro all’aperto della Rocca Medievale – spiega il presidente di Lagodarte Piero Sacco – riteniamo che l’offerta di un prodotto innovativo per la fruizione culturale e turistica, denominato “La Castiglione dei Della Corgna: una dinastia tra gesta eroiche e vita di corte”, possa costituire un’ulteriore elemento di valorizzazione sia degli attrattori oggetto della nostra gestione che del complesso Museale di San Domenico, gestito e valorizzato dalla Confraternita di San Domenico. Con tale prodotto si intende proporre un programma di eventi di animazione teatrale, multimediale, culturale e ricreativa ispirati alla dinastia rinascimentale dei Della Corgna, alle gesta dei suoi capifamiglia e alla vita di corte del tempo. La “Castiglione dei Della Corgna” è articolata in quattro eventi distribuiti in altrettanti periodi dell’anno, ritenuti strategici dal punto di vista turistico. Ciascun evento è caratterizzato da una serie di attività, alcune specifiche per ciascun evento, altre ricorrenti, in relazione ai quattro principali periodi della dinastia e dei rispettivi regnanti della famiglia: Epopea di Ascanio I e Fulvio I Della Corgna (1563-1583), Epopea di Diomede Della Penna Della Corgna (1571-1596), Epopea di Ascanio II Alessandro Della Corgna (1596-1606), Epopea di Fulvio II Alessandro Della Corgna (1606-1647)».
Ciascun evento sarà ospitato dagli attrattori indicati nel progetto e si caratterizzerà con la ricostruzione di una specifica epopea delle gesta e degli avvenimenti principali della vita di corte che l’hanno caratterizzata, riproposti, in primis attraverso la narrazione e la rievocazione teatrale, ma anche con interventi multimediali, come il video mapping che avrà lo scopo di animare e spettacolarizzare gli affreschi che impreziosiscono Palazzo della Corgna, il tutto contestualizzato con momenti di festa caratterizzati dalla riproposizione di banchetti con menù d’epoca, mercati e giochi all’aperto. Attraverso una rete di partner con specifiche competenze, Lagodarte intende inoltre qualificare il progetto con la pubblicazione di opere editoriali e siti web, con una rinnovata e più adeguata dotazione audio-luci del teatro all’aperto della Rocca, indispensabile per un’offerta professionale di spettacolo, con interventi di proiezioni architetturali e videomapping, con la rievocazione teatrale in chiave storica e con una ricerca enogastronomica d’epoca.
Il progetto infine intende avvalersi del partenariato del Comune di Castiglione del Lago, proprietario degli attrattori Palazzo della Corgna e Rocca Medievale, mediante il coinvolgimento dell’Ufficio Cultura e della Biblioteca Comunale, dell’Ente “Confraternita di San Domenico” proprietaria del complesso museale di San Domenico e dell’Università di Perugia che garantirà la supervisione scientifica tramite la Scuola di Specializzazione in Beni Demoetnoantropologici, con sede in Castiglione del Lago.