Home Rubriche La Fornace trionfa ai Ruzzi della Conca dopo una sfida epica contro...

La Fornace trionfa ai Ruzzi della Conca dopo una sfida epica contro il Mar Nero Mauro Scattoni, Alex Papi, Alessio Fastelli e Marco Leandri per la Fornace

Condividi

Il giallo e il rosso della Fornace hanno trionfato alla 38° edizione dei Ruzzi della Conca sconfiggendo in una finale epica la contrada del Mar Nero. I giocatori in campo (Federico Ferretti, Daniele Paolucci e Davide Ponziani per il Mar Nero e Mauro Scattoni, Alex Papi, Alessio Fastelli e Marco Leandri per la Fornace) hanno dato vita ad una di quelle sfide che rimarranno nella memoria e di cui, a Chiusi, si parlerà per generazioni e generazioni. La finale, che dovrebbe terminare a 16 punti, è finita 21 a 19 dopo un batti e ribatti che ha tenuto con il fiato sospeso gli oltre 2000 spettatori che hanno riempito le tribune del Comunale. Alla fine, dopo svantaggi recuperati, errori e colpi di classe da entrambi i lati, l’edizione 2018 dei Ruzzi della Conca ha favorito i giallo/rossi e consegnato loro la meritata 10° Conca della propria storia. I campioni della Fornace sono arrivati in finale dopo un lungo pomeriggio di sfide che li ha visti trionfare sui bianco/verdi del Granocchiaio, che dopo un ciclo infinito di vittorie hanno da pochi anni avviato un nuovo ciclo con giocatori nuovi per tornare grandi, e sui campioni in carica (verdi/arancio) delle Biffe, che lo scorso anno avevano conquistato la Conca sconfiggendo in finale proprio la Fornace. Al Mar Nero, per riportare la Conca sotto i propri colori che manca da 36 anni, non è invece bastato il vantaggio di essere già in finale grazie alla vittoria nella prima domenica di Ruzzi.
I Ruzzi della Conca, oltre che per l’aspetto sportivo, si sono caratterizzati anche per la sfilata, che quest’anno ha rievocato gli anni della Grande Guerra e celebrato i 100 anni dalla fine del conflitto. In particolare è stato ricordato il momento del “ritorno dei soldati” dalla guerra. Ad Accompagnare la sfilata storica tutto il gruppo degli sbandieratori e tamburini delle contrade e la “Fanfara dei Bersaglieri”
“Sono stati dei Ruzzi incredibili e non adatti ai deboli di cuore– dichiara il sindaco di Chiusi Juri Bettollini – la finale è stata fantastica grazie a giocatori eccezionali che hanno regalato emozioni e brividi ad ogni sferzata del bracciale. Complimenti, dunque, alla contrada della Fornace, a cui vanno anche gli onori della vittoria, e a quella del Mar Nero per aver scritto una pagina di storia dei Ruzzi della Conca. Per la nostra città la palla al bracciale è una passione vera, alimentata anno dopo anno e generazione dopo generazione, che fianco a fianco proseguono insieme un cammino di tradizione e cultura. Per tutto questo complimenti a tutte le contrade dello Scalo per aver organizzato una 38° edizione veramente emozionante a partire dalla sfilata storica che in maniera sensibile ha celebrato il centenario dalla fine della Grande Guerra. Sono state due settimane intense e cariche di adrenalina e la cosa più bella è pensare e sentire che non vediamo l’ora di riprovare le stesse sensazioni il prossimo anno con una nuova edizione dei Ruzzi della Conca.”

Ufficio Comunicazione Comune di Chiusi