Home Cronaca Ludopatia. Un flagello antico come il mondo Un commento dopo gli articoli...

Ludopatia. Un flagello antico come il mondo Un commento dopo gli articoli pubblicati sui dati del fenomento nella nostra zona

Condividi

La ludopatia è l’impulso irrefrenabile che spinge una persona a giocare all’azzardo. Si stima che in Italia, le persone affette fa questo disturbo siano novecentomila. In Umbri intorno ai diecimila. Il fenomeno non è certamente nuovo. Nell’antica Grecia, dalla quale un po’ tutti siamo figli, il gioco d’azzardo era diffusissimo.

Celebre la raffigurazione di un’anfora dove Achille e Aiace giocano a dadi. Anche nell’antica Roma si giocava molto benché tale pratica fosse proibita. Il fenomeno del gioco d’azzardo nella quotidianità è sotto gli occhi di tutti, ed è una sindrome trasversale e interclassista. Va dal ricco professionista al modesto operaio, dal pensionato sociale al minorenne.

Un po’ ovunque capita di vedere soggetti praticamente persi davanti alla slot aspettando il “deserto dei tartari” monetario. E continuano ad introdurre monete. Oppure dietro improbabili paraventi o “retrobottega” si intuisce il caratteristico rullante suono della “macchinetta” e di tanto in tanto persone col volto tirato che si apprestano alla cassa a cambiare banconote per manciate traboccanti di gettoni. A volte poi il problema si amplifica quando il giocatore per poter assecondare l’impulso, cade nell’usura.

Secondo i medici, più che un disturbo la mania del gioco d’azzardo, comprendendo tutte le varie forme, non solo le slot, è una malattia vera e propria e in questi termini va trattata. Le cause scatenanti di questo comportamento compulsivo sono sconosciute, anche se lo stile di vita influisce. Con più o meno successo, lo stato ha messo in campo vari strumenti per contrastare il fenomeno. P

Per un periodo, in seguito alla denuncia di una associazione dei consumatori erano stati bloccati i fondi necessari all’attuazione di un piano sociosanitario e di prevenzione che la regione Umbria aveva programmato.

In seguito l’Osservatorio Nazionale per il Contrasto e la Diffusione del Gioco D’azzardo, ha promosso integralmente tale piano e si è riattivata la “macchina” per fronteggiare il problema. Inoltre dal 2016 è attivo un numero verde (800410902) al quale rivolgersi in caso di necessità. Perché sempre secondo i medici infatti, il primo passo per guarire è la presa di coscienza del problema. Fa seguito il contatto con settori specializzati della sanità.

È fondamentale anche interrompere le fonti di denaro dalla quale il malato attinge, tipo carte di credito, libretti di risparmio ecc. E poi lo stile di vita, come poc’anzi si faceva riferimento: pericolosissimo il cliché: gioco – perdita – depressione – impulso a giocare per rifarsi delle perdite. Ma sarà sempre il medico ha dare i suggerimenti e le terapie per iniziare un percorso che possa portare fuori dal tunnel.

Nunzio Dell’annunziata