Home musica Magione. Ancora tanta musica per i 100 anni di Ledo Lazzerini

Magione. Ancora tanta musica per i 100 anni di Ledo Lazzerini

Condividi

Alla festa in suo onore, anche il sindaco Giacomo Chiodini e i volontari della Misericordia. Già direttore del negozio di musica Ceccherini è stato tra i fondatori della Perugia big band

Festa a Montemelino di Magione per i 100 anni di Ledo Lazzerini amato direttore dello storico negozio di strumenti musicali Ceccherini che tutti ricordano per la sua simpatia.

Classe 1921 nasce a Montemarciano, comune di Terranova Bracciolini in provincia Arezzo, dove inizia lo studio del clarinetto a sette anni nella filarmonica del paese. Uno strumento che non abbandonerà mai e che, a 11 anni, lo porterà ad esibirsi anche da solo in pubblico. Come molti della sua generazione la guerra lo vedrà prigioniero in Austria da cui fuggirà a piedi per tornare in Italia. Un viaggio dove, tra tante difficoltà, incontrerà la donna della sua vita, la moglie Rosa.

La sua attività di musicista lo porta in molti paesi del Trasimeno. Negli anni Quaranta diventa direttore delle bande musicali di Panicarola, Pozzuolo e Castiglione del lago; mentre a Passignano entrerà a far parte del gruppo “Cinque strumenti e una voce”.

Il rapporto con Ceccherini inizia con la sua assunzione nel negozio di Firenze dove inizia a lavorare senza mai abbandonare la sua attività di musicista. In questo periodo farà parte del Quintetto di jazz moderno.

A Perugia arriva come direttore dello storico negozio di strumenti musicali per guidarne il rinnovamento della sede che ben presto diventerà un luogo di incontro per la vita musicale della città. Si rafforza anche il legame con la proprietà e, grazie a lui, prenderanno il via molti progetti tra cui la Perugia big band.

La pensione lo ha visto ritirarsi in campagna dove si occupa del suo orto ma la musica rimane il filo conduttore di tutte le sue giornate in cui è sempre impegnato a scrivere ed arrangiare testi.

Alla festa in suo onore, a parenti e amici si sono uniti il sindaco Giacomo Chiodini e i volontari della Misericordia di Magione, tra cui il presidente Fabrizio Alunni.

Condividi