Home arteecultura Nuova vita per il Cinema Caporali a Castiglione

Nuova vita per il Cinema Caporali a Castiglione

Condividi

 

Presentata nei giorni scorsi l’idea progettuale di ristrutturazione della storica sala Cinema Teatro Caporali durante una serata evento dedicata al futuro dei cinema di prossimità. La presentazione è avvenuta naturalmente al cinema prima della proiezione del film documentario “Mexico! Un cinema alla riscossa”, in uscita nelle sale italiane proprio in questi giorni, con un collegamento in diretta da Milano del regista Michele Rho e del protagonista del documentario, l’esercente del “mitico” Cinema Mexico di Milano, Antonio Sancassani.

La storia di questa sala monoschermo, pur nella sua eccezionalità, funziona da cartina di tornasole per parlare del ruolo e delle difficoltà di tutte le sale similari sparse nel territorio nazionale che svolgono un’importante funzione socio-culturale e aggregativa ma che lottano tutti i giorni per superare le mille difficoltà provenienti dal mercato, in particolare dalla distribuzione che nega il prodotto-film, molto spesso a vantaggio dei grandi multiplex. Così è sembrata l’occasione giusta agli organizzatori per parlare del ruolo e delle difficoltà di questi cinema cosiddetti di “prossimità” o ” di città,” prevalentemente monosale, indipendenti, cioè che non appartengono ai grandi raggruppamenti, e che curano in modo autonomo la programmazione.

Alla riflessione oltre all’Amministrazione Comunale, titolare della sala, alla coop. Lagodarte che gestisce la sala e ad alcuni esercenti cinematografici umbri, è intervenuta la vicepresidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia Cristina Colaiacovo. «Abbiamo chiesto al sindaco Sergio Batino – ha spiegato Cristina Colaiacovo – di presentarci, per questo triennio, un progetto a carattere culturale e sociale. L’idea di cinema di questa amministrazione è coincidente con l’idea che abbiamo noi in Fondazione e che rientra nei nostri obiettivi programmatici. La presenza della nostra delegazione questa sera dimostra che vogliamo aiutare l’Umbria a rilanciare i centri storici, mantenendo e rivitalizzando le strutture a difesa della cultura e che possano svolgere una preziosa funzione di aggregazione e di attrazione per i nostri paesi. Il Cinema Caporali avrà subito un’erogazione di circa 120 mila euro per il 2017 con la promessa di ripeterla nel 2018 e nel 2019 per un importo complessivo di circa 350 mila euro».

Il sindaco Sergio Batino ha anticipato le linee progettuali per la imminente ristrutturazione del Cinema Caporali che prevede, oltre all’ammodernamento del parco poltrone, all’ampliamento del foyer e altre migliorie, la realizzazione di due sale che permetteranno una maggiore accessibilità al prodotto e conseguentemente una maggiore offerta e competitività del Cinema Caporali. «Il rilancio dei centri storici e in questo caso del centro storico di Castiglione del Lago è un obiettivo di questa amministrazione – ha affermato Batino – per contrastare lo svuotamento iniziato negli scorsi decenni, a Castiglione ma fenomeno comune in tutta Italia. Stasera quindi questo progetto di alto valore culturale è in realtà un tassello di una vasta politica urbanistica: attirare cittadini, visitatori, consumatori, spettatori e residenti al centro storico serve anche per evitare nuove politiche urbanistiche espansive nei nostri centri. Noi vogliamo invertire la tendenza che provoca l’uscita dal centro: il mantenimento dei servizi comunali, il potenziamento dell’ospedale unico del Trasimeno, l’ampliamento del percorso museale, la nuova Biblioteca comunale, il Centro Commerciale Naturale che ci ha visti protagonisti nella progettazione e, infine, il rilancio del Cinema Teatro Caporali, sono tutte azioni coerenti con questa nostra politica. Il Cinema è un luogo di spettacolo, di cultura, di aggregazione, di socializzazione, di divertimento che imprime, e lo farà ancora meglio, una grande forza di attrazione per Castiglione».

La serata si è conclusa con la premiazione degli studenti delle Scuole medie superiori del territorio che hanno partecipato alla quattordicesima edizione del progetto David Giovani che ha visto quest’anno una studentessa dell’Istituto Superiore Italo Calvino di Città della Pieve vincitrice del primo premio destinato alle scuole umbre che consiste nella partecipazione in qualità di giovane giurata alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia 2017. (AKR)

 

Condividi