Home Uncategorized Passignano. Gruppo Centrodestra “Via del Giuoco. Ripristinare la viabilità precedente” "Errare...

Passignano. Gruppo Centrodestra “Via del Giuoco. Ripristinare la viabilità precedente” "Errare e’ umano, perseverare e’ diabolico"

Condividi

(Comunicato stampa) “Errare è umano perseverare (su un esperimento fallimentare) è diabolico. In via del Giuoco occorre ripristinare subito la precedente viabilità”. Queste le parole dei consiglieri di centrodestra di Passignano sul Trasimeno, Alessandro Moio, Daniela Bertocci, Eleonora Ballerini e Luigi Sessa riguardo al cambio di viabilità introdotto dalla Giunta Pasquali lungo via del Giuoco. Una prova che i Consiglieri di opposizione giudicano disastrosa “Già venti anni fa l’amministrazione Chellini aveva provato a introdurre un senso unico in via del Giuoco con risultati assolutamente negativi, salvo poi fare marcia indietro.

Il Sindaco Sandro Pasquali ha voluto replicare in maniera ancora più invasiva, una soluzione fallimentare che, a distanza di quasi due mesi dalla sua introduzione, si è rivelata inutile sul fronte della riduzione del traffico e dell’aumento della sicurezza, assolutamente negativa per le attività commerciali e i residenti delle zone e più in generale per la cittadinanza per la quale via del Giuoco è uno snodo fondamentale di collegamento interno al paese. Questa è la conferma di un chiaro fallimento delle politiche legate alla viabilità che sono state adottate. Tale provvedimento – continuano i consiglieri – ha inciso negativamente sulle abitudini dei cittadini. A nostro avviso sarebbe stato doveroso aprire un dialogo preventivo, non solo formale, con i residenti e i commercianti che insistono in quella zona e valutare meglio le conseguenze. L’amministrazione ha preferito imporre una decisione in maniera avventata e superficiale. Moio, Bertocci, Ballerini e Sessa annunciano che “Al prossimo consiglio comunale, proporremo una mozione che preveda il ripristino della viabilità precedente e che impegni l’amministrazione a valutare la possibilità di allargamento della parte terminale della strada, proposta da noi fatta già nel 2013 e che con una spesa modesta, rispetto ad opere faraoniche, porterebbe un grande vantaggio alla intera collettività”.