Home istituzioni Passignano. La minoranza al sindaco Pasquali “Un momento d’incontro per l’ultimo giorno...

Passignano. La minoranza al sindaco Pasquali “Un momento d’incontro per l’ultimo giorno di scuola”

Condividi

(comunicato stampa) La proposta di un momento di saluto-incontro da fare all’aperto per l’ultimo giorno di scuola. A farla alla Giunta del sindaco Sandro Pasquali è il gruppo consiliare “Passignano nel Cuore” con prima firma del consigliere Daniela Bertocci a cui si aggiungono Alessandro Moio, Eleonora Ballerini e Luigi Sessa per chiedere di promuovere una giornata dedicata agli alunni nell’ultimo giorno di scuola. “L’istruzione ha un ruolo importantissimo nella formazione dell’individuo – spiegano dalla minoranza -. La scuola ha un grande valore educativo, è luogo di crescita, incontro e conoscenza reciproca, purtroppo l’anno scolastico, a causa del covid-19 e alle misure di contenimento che si sono rese necessarie, è stato interrotto e in questi tre mesi i bambini e i ragazzi sono stati privati del rapporto affettivo con gli insegnati e delle relazioni interpersonali dal vivo con i compagni.

In questo momento – continuano i consiglieri – si è avuto un largo utilizzo della tecnologia, positivo e importante, ma che può tendere a creare distanze e chiudere in sé stessi. Ecco perché chiediamo all’amministrazione di favorire questo importante momento di saluto, soprattutto per le classi di passaggio (quinta elementare, terza media e quinto superiore)”. Una proposta che ha come premessa la non contrarietà da parte del Comitato scientifico di far incontrare studenti e docenti per salutarsi per un ultimo giorno di scuola “Purché – concludono dalla minoranza – siano all’aperto e nel pieno rispetto dei divieti di assembramento e delle regole di distanziamento e di protezione individuale. Consideriamo questo momento un aspetto molto importante a ogni conclusione di anno scolastico, ma ancor di più alla fine della scuola primaria, delle medie e quando si fa la maturità, è un rito di passaggio che fa capire che si conclude una fase e ne inizia una nuova e aiuta a vivere più facilmente il distacco”.

 

 

Condividi