Home istituzioni Peltristo ripropone le problematiche di Cibottola Una nota della opposizione piegarese sulla...

Peltristo ripropone le problematiche di Cibottola Una nota della opposizione piegarese sulla situazione del borgo

Condividi

Riceviamo e pubblichiamo da Augusto Peltristo del Gruppo Consiliare Civicamente Adesso Piegaro.  

“Questa è l’interpellanza presentata a metà giugno sulle problematiche del borgo di Cibottola.” 

Premesso che oramai sono quasi tre anni che la nostra lista si sta battendo per far rivivere l’antico borgo di Cibottola , patrimonio culturale e storico del nostro Comune cosi da permettere a tante persone di visitarlo e viverlo,

Visto le tre ordinanze n 57 del 28/12/2009, n10 del 2/9/2010, e n 13 del 21/1/10,

i nostri interventi in questo consiglio dalla prima interrogazione dell’agosto 2014, tre interpellanze ( maggio 2016, marzo 2017 e oggi) e una mozione (29/9/16) votata all’unanimità,

deliberazione di giunta atto 175 del 29/12/2014 “Approvazione censimento strade vicinali di pubblica utilità nel territorio comunale”

Visto l’art. 54 T.U. 267/2000 novellato dal D.L. 92/2008 “Il Sindaco, quale Ufficiale di Governo, adotta con atto motivato provvedimenti, anche contingibili e urgenti nel rispetto dei principi generali dell’ordinamento, al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana”, “ dall’altro permette l’eliminazione diretta della situazione di pericolo, con spese a carico degli interessati, solo in caso di inadempimento di questi di questi ultimi” T.A.R. Campania 10 maggio 2004, n 8427.

La nostra Lista insieme a tanti cittadini del Comune di Piegaro e non solo crediamo che il tempo dell’attesa sia oramai finito.

Chiediamo a questa Amministrazione ed in particolare al Sindaco di emanare urgentemente un provvedimento in cui venga chiesto al soggetto privato la messa in sicurezza dell’edificio e delle mura, con una tempistica certa e non più rinviabile e successivamente togliere la recinzione,

di sapere cosa ha risposto la diocesi e quali provvedimenti intende intraprendere per risolvere questa vicenda, ricordando la stessa Diocesi è proprietaria della Chiesa di San Fortunato e della casa parrocchiale e alcuni terreni,

di sapere quando la Diocesi ha venduto la piccola casa fatiscente limitrofa alla Chiesa ad un altro soggetto privato e cosa intenda fare delle sue proprietà,

di sistemare una volta per tutte la “situazione strade vicinali” da e per Cibottola , anche su tale argomento il tempo dell’attesa deve finire,

Ricordando che

Il Comune di Piegaro è proprietario di tutte le vie di accesso al castello oltre che della torre civica e la piazzetta annessa.

La nostra Lista ha sempre offerto in questa sala consiliare e in altri ambiti la massima collaborazione a questa Amministrazione per poter risolvere la problematica di Cibottola che si trascina oramai da molti anni.

Non possiamo non dobbiamo non vogliamo più accontentarci di compromessi, “contentini” e/o soluzioni che risolvano solo in parte le problematiche di Cibottola, tutti i cittadini hanno il diritto di tornare a rivivere e passeggiare per le varie strade e percorsi intorno al castello, anche perché il borgo di Cibottola e le sue mura cosi come si trovano con le recinzioni e ordinanze è già morto e la situazione di degrado nel tempo è peggiorata.

La legge dice che Il Sindaco quale Ufficiale di Governo ha il dovere e quindi potere di intervenire in modo deciso e perentorio sulla situazione di degrado, pericolo ed incolumità di tutto il borgo di Cibottola, non ci devono essere più attese o perplessità onde evitare anche omissioni di atti di ufficio.