Home Rubriche Piegaro. Festival del vetro alle battute finali Ancora molti appuntamenti artistici e...

Piegaro. Festival del vetro alle battute finali Ancora molti appuntamenti artistici e culturali nella giornata di domenica

Condividi

Cittadino e Provincia) A Piegaro è in pieno svolgimento il terzo Festival del vetro. Fino a domani domenica 2 giugno eventi artistici e culturali dedicati alla millenaria tradizione della lavorazione di questo materiale. Seminari, corsi, laboratori per bambini e workshop sulle diverse tecniche di lavorazione del vetro (vetrofusione, lavorazione a lume, tecnica tiffany, vetrate legate a piombo, soffiatura alla fornace).

In questo fine settimana i migliori mastri vetrai italiani e stranieri si sono dati appuntamento nel borgo umbro del vetro per mostrare al pubblico la bellezza e il fascino della lavorazione di questo materiale, anche in notturna.

Eventi e manifestazioni non solo all’interno del Museo e del laboratorio del Vetro, ma in tutto il borgo di Piegaro che per l’occasione si anima grazie alla presenza di artisti di strada, spettacoli per bambini, concerti, escursioni, visite guidate, mostre mercato.

Per domani, domenica 2 giugno il programma prevede una passeggiata della durata di due ore “Il bosco che parla” e l’anteprima del progetto “Sinfonia di vetro” dell’Orchestra da Camera di Perugia, concerto del Quintetto di Fiati dell’Orchestra da Camera di Perugia.

Nel pomeriggio alle ore 16 presentazione del libro “Dalla ciliegia alla tradizionale tazzina italiana del caffè: Chicco e Cereza” di Maria Cristina Latini, un curioso e divertente viaggio alla scoperta della nota bevanda, attraverso spiegazioni e dimostrazioni alla portata di grandi e piccoli. Al termine del laboratorio è prevista una merenda e degustazione di caffè.

A seguire alle ore 17,30 il libro “21 giorni alla fine del mondo” di Silvia Vecchini e Sualzo, un nuovo graphic novel dei due autori che narra l’amicizia tra due ragazzi e il potere della verità. È possibile raccontare ai ragazzi le realtà più scomode e dolorose? Senza fare sconti, ma con grande sensibilità e accuratezza, Silvia Vecchini e Sualzo ci riescono in pieno.

Chiuderanno il festival alle 18,30 la premiazione del concorso “La formella dell’arte” e quindi il concerto in Piazza Matteotti con i “Sex mutants”.