Home Ambiente e Territorio “Porte aperte al Trasimeno”, è già un successo Numerose le prenotazioni per...

“Porte aperte al Trasimeno”, è già un successo Numerose le prenotazioni per l’iniziativa dell’Urat

Condividi

Magione. L’ultima mossa dell’Urat per rilanciare il turismo al lago, quella di offrire a coppie e famiglie un pernottamento gratuito al Trasimeno (chiaramente nelle strutture convenzionate) per il fine settimana che va dal 26 al 28 maggio (fino all’asaurimento dei posti disponibili),  ha trovato un’immediata risposta positiva. Non poteva essere altrimenti, ma il numero delle prenotazioni (in tutto 420) arrivate nelle prime ventiquattr’ore (va ricordato che ci sono circa duemila posti disponibili) lascia comunque ben sperare per l’andamento della stagione turistica. Lo fa sapere la stessa Unione dei ristoratori e albergatori del Trasimeno. “Questi numeri sono assolutamente positivi e ci fanno ben sperare – commenta il presidente dell’Urat, Michele Benemio –. Probabilmente entro pochissimi giorni i 2mila posti letto messi a disposizione saranno tutti occupati. Il Trasimeno sta attraversando un buon momento con flussi turistici importanti: il ponte del primo maggio ha fatto registrare ottime presenze, confermando l’andamento positivo iniziato a Pasqua e proseguito nella giornata del 25 aprile. Ci auguriamo che “Porte Aperte” possa contribuire a favorire questa rinascita del Trasimeno. L’evento ha l’obiettivo di rilanciare il lago puntando alle sue eccellenze, ma attraverso un lavoro comune. Dobbiamo capire che la valorizzazione non può essere fatta singolarmente, ma deve necessariamente coinvolgere istituzioni, attività turistiche e associazioni”.
“Porte aperte al Trasimeno” propone a coloro che vi prenderanno parte, percorsi storico culturali, tour enogastronomici, mercatini, attività sportive all’aria aperta, degustazioni e molto altro. Una offerta variegata per conoscere il lago a 360 gradi. Nei comuni del Trasimeno saranno organizzate diverse iniziative, tra cui, per esempio, pescatori per un giorno, passeggiate alla scoperta delle erbe, letture al palazzo ducale e remando lungolago. Si spera naturalmente che l’iniziativa dell’Urat produca nei prossimi mesi effetti promozionali sostanziosi.