Home Ambiente e Territorio Positivo bilancio per il presidio dei Vigili del Fuoco a Castiglione Tra...

Positivo bilancio per il presidio dei Vigili del Fuoco a Castiglione Tra pochi mesi il Distaccamento Volontari per un servizio senza interruzioni

Condividi

Una presenza sempre utile ai cittadini e che aumenta il grado di sicurezza del territorio del Trasimeno. Si è concluso positivamente il periodo estivo di presenza del contingente dei Vigili del Fuoco a Castiglione del Lago, grazie ad un accordo di programma fra Provincia di Perugia, Comune e Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco che ha reso possibile l’utilizzo di alcuni locali ricavati all’interno dell’edificio che già ospita la Polizia Provinciale, una stagione che ha visto la crescita delle attività.

Le squadre dei vigili del fuoco presenti a Castiglione del Lago hanno operato nel comprensorio del Trasimeno affrontando le richieste dei cittadini con ben 21 interventi per incendi di bosco e sterpaglie tra cui alcuni davvero impegnativi come quello di Moiano di Città della Pieve, 5 interventi per incidenti stradali e rimozione ostacoli alla circolazione, 2 per salvataggi animali, 6 per salvataggi soccorso a persona compresi alcuni effettuati proprio sul lago, 6 per verifiche di edifici e rimozione di parti pericolanti, 2 per recupero natanti, 18 per rimozione di nidi di vespe e calabroni all’interno delle abitazioni. Sono stati effettuati altri 12 interventi per servizi vari per alberi pericolanti, apertura di porte per soccorso a persona, fuga di gas ecc. I vigili del fuoco hanno avuto in dotazione una autopompa-serbatoio, una campagnola con modulo antincendio ed alcuni mezzi nautici, tutti provvisti delle attrezzature di soccorso.

A breve dovrà partire un secondo corso per completare il nucleo dei volontari che costituirà il Distaccamento Volontario del corpo dei Vigili del Fuoco. Appena concluso il corso di 120 ore e, superati i relativi esami, Castiglione del Lago avrà tutto l’anno in funzione la struttura collocata in viale Divisione Partigiani Garibaldi a fianco del Club Velico Castiglionese: una struttura che si andrà ad aggiungere alle otto analoghe già operative nella provincia (Todi, Spoleto, Foligno, Norcia, Gaifana, Gubbio, Città di Castello e Città della Pieve), andando così a completare il quadro della rete perugina. La caserma di Castiglione del Lago sarà attrezzata con mezzi e con vigili esperti nautici per fronteggiare le esigenze di soccorso e quindi gli interventi richiesti dalla popolazione nell’intero comprensorio del Trasimeno. I volontari saranno formati per espletare interventi tecnici e di soccorso sul territorio, con corsi periodici al personale VF: c’è ancora spazio per altri giovani quattro o cinque di soggetti interessati e motivati.

Il Comandante Provinciale ingegner Marco Frezza e l’ingegner Maurizio Fattorini, funzionario dei Vigili del Fuoco di Perugia spiegano nei dettagli la strategia: «Stiamo attivando il Distaccamento Volontario dei Vigili del Fuoco, un presidio da mantenere operativo con continuità annuale, integrandolo nei periodi estivi con un presidio dei vigili permanenti esperti in soccorso acquatico per meglio fronteggiare le esigenze di soccorso e quindi gli interventi richiesti dalla popolazione nell’intero comprensorio del Trasimeno. Il presidente della Commissione consiliare sulla sicurezza Marino Mencarelli, insieme al resto dell’Amministrazione, sta seguendo da vicino tutte le attività necessarie per partire presto». Ad oggi esiste già un gruppo di ragazzi che hanno ottenuto questa abilitazione ma il loro numero, secondo Fattorini, è ancora esiguo. «Nei prossimi giorni saranno avviate specifiche iniziative per inserire altri giovani in questo gruppo curando la loro preparazione professionale. I vigili del fuoco svolgono essenzialmente interventi tecnici e di soccorso sul territorio, quelli che si richiedono al 115».

Ma chi sono i vigili del fuoco volontari? Sono cittadini in ottime condizioni psicofisiche che hanno presentato apposita domanda al Ministero dell’Interno e che dopo un corso di base di 120 ore hanno ottenuto questa specifica abilitazione. Svolgono le loro normali attività ma vengono chiamati in servizio nei momenti di necessità per effettuare gli interventi di soccorso tecnico urgente. Alcuni di loro dovranno acquisire l’abilitazione per la “guida in sirena” dei mezzi di soccorso.

Cosa si deve fare per essere iscritti nei ruoli dei Volontari dei Vigili del Fuoco? Al momento, ai sensi del DPR 76/2004, i vigili volontari sono reclutati fra coloro che ne facciano domanda e risultino in possesso dei seguenti requisiti: cittadinanza italiana; diploma di istruzione secondaria di primo grado; idoneità psicofisica ed attitudinale da accertare; età non inferiore a 18 anni e non superiore a 45 anni; residenza nei comuni dell’area del Trasimeno; godimento dei diritti politici; non essere stati destituiti, dispensati o licenziati dall’impiego presso una pubblica amministrazione; possesso del requisito delle qualità morali e di condotta; posizione regolare nei confronti degli obblighi di leva. Per la presentazione delle domande si può contattare l’ufficio personale del Comando provinciale VVF di Perugia (075.50639225) o inviando un’e-mail a comando.perugia@vigilfuoco.it chiedendo di essere contattati. Per chi vuole approfondire questi aspetti si segnala il sito internet www.vigilfuoco.it: sulla home page si possono trovare varie informazioni tra cui il link “lavora con noi” che illustra  le modalità per diventare vigile del fuoco volontario.