Home Rubriche Trasimeno, Pievese e Orvietano entrino nel progetto “Toscana Umbria in Treno” Ancora...

Trasimeno, Pievese e Orvietano entrino nel progetto “Toscana Umbria in Treno” Ancora troppo scarsa la presenza delle strutture ricettive umbre

Condividi

Siamo stati alla presentazione del progetto di incoming creato e collegato alla fermate del Frecciarossa a Chiusi. Prima ancora avevamo visitato il sito del progetto “Toscana Umbria in Treno”. E avevamo notato una scarsa presenza di offerte in generale e di strutture ricettive e ristorative in particolare dell’Umbria. L’Umbria politica ed istituzionale è quella che è e lo sappiamo da tempo, sarebbe troppo bello capisse l’occasione. Ma dal nostro territorio occorre una risposta diversa. Nel corso della riunione di presentazione ci sono stati impegni per allargare l’offerta e coinvolgere anche le aziende umbre. In tal senso si è impegnata anche Lucia Fatichenti, nuovo vice sindaco di Città della Pieve. Unico comune umbro presente. Oltre che alle associazione di categoria ed alle agenzie incaricate.

L’incarico di coordinare il lavoro è stato dato ad pool di agenzie toscane che credo non abbiamo difficoltà a collaborare con quelle umbre. Cos’ come le associazioni di categoria ed aggiungo le banche locali, che tra l’altro stanno vedendo processi di fusione che riguarderanno, nei prossimi mesi,  proprio Umbria e Toscana, C’è un regolamento per quanto riguarda le adesioni, la scontistica, la promozione ed altro. Anche in questo caso credo che non ci siamo problemi ad eventuali ritocchi. Questa conquista certo non è Parigi, come qualcuno ha detto, con una venatura di realismo pessimista.  Migliorare anche gli orari sarebbe necessario. Ma come abbiamo già detto, l’occasione, importante va colta e soprattutto va colto come opportunità, il metodo, il fare rete fra imprese e territorio d’aree omogenee seppur divise da uno stato borbonico. Ci attendiamo, quindi, con fiducia, buone nuove.

Gianni Fanfano

 

Questa che segue è una nota diffusa a suo tempo dall’ufficio stampa del Comune di Chiusi che traccia il percorso fatto nella costruzione dl progetto.

Excursus progettuale.
Dopo l’incontro avvenuto a Roma lo scorso ottobre 2018 tra Regione Toscana, FS Italiane e Comune della Città di Chiusi, confermato l’inserimento della fermata del treno Frecciarossa nella stazione di Chiusi-Chianciano Terme nel piano di sviluppo turistico nazionale, è seguita assemblea a Chiusi nel mese di dicembre per lo sviluppo della progettualità alla presenza di: Trenitalia, Regione Toscana, Provincia di Siena, Comuni e rappresentanti istituzionali degli ambiti Amiata, Umbria – Trasimeno, Valdichiana Aretina, Valdichiana Senese, Siena e Terre di Siena e Valdorcia, soggetti privati, tour operator, terme, ed associazioni di categoria dei comparti.

Al primo incontro di dicembre sono poi seguiti, come concordato in assemblea, i tavoli di lavoro coordinati da Chiusi, con i tecnici ed i rappresentanti istituzionali e privati, insieme alle categorie, per strutturare, appunto, le indicazioni per una progettualità omogenea di valorizzazione e marketing territoriale finalizzata all’accordo tra soggetti economici e Trenitalia, a seguito dei quali è emersa un’ unica proposta progettuale da parte della rete di imprese tra tour operator incoming aperta, Etruria experience, capofila experience Valdichiana.

Nel frattempo i Comuni degli ambiti suddetti, hanno sottoscritto un protocollo di intesa impegnandosi, insieme alle associazioni di categoria anche economicamente per sostenere progetti di sviluppo ampi del territorio inerenti le progettualità di valorizzazione e promozione collegati alla fermata AV.

I soggetti firmatari del protocollo di intesa (al 1°Maggio 2019) sono: (per l’ambito Valdichiana Senese) Chiusi, Chianciano Terme, Montepulciano, San Casciano dei Bagni, Trequanda, Cetona, Sarteano, Sinalunga e Torrita di Siena; (per l’Ambito Amiata) Abbadia San Salvatore; (per l’Ambito Valdorcia) Montalcino; (per l’ambito Umbria – Trasimeno) l’unione dei Comuni del Trasimeno di cui fanno parte i Comuni di Panicale, Piegaro, Magione, Città della Pieve, Castiglione del Lago, Passignano, Tuoro sul Trasimeno e Paciano. Per le associazioni di categoria: Federalberghi Siena, Federalberghi Chianciano Terme, Cna Siena, Confersercenti-Asshotel Siena.

Il progetto ed il protocollo di intesa sono, naturalmente, aperti ad altre adesioni e alcuni comuni, soggetti pubblici ed economici hanno già manifestato il loro interesse. La piattaforma ToscanaUmbriaintreno.com, sviluppata dalla rete di imprese, racchiude offerte commerciali, sconti e pacchetti dedicati per la promozione dell’incoming territoriale negli ambiti coinvolti, tra Toscana e Umbria, collegati al biglietto del treno. Le promozioni (rimborso del biglietto del viaggio, sconti negli esercizi convenzionati, offerta fidelizzazione, long weekend, settimane di soggiorno) si trovano direttamente sul portale, così come il regolamento.

Sono in corso le campagne di comunicazione e promozione, con newsletter dedicate, video promozionali e banner, sia sui vari portali che sui social, oltre che sui Frecciarossa e Frecciargento e nel materiale per gli abbonati e nelle stazioni. La Regione Toscana in primis, nonché il comparto turistico regionale Toscano, anche attraverso Toscana promozione turistica, la provincia di Siena e la locale Banca Valdichiana di credito cooperativo di Chiusi e Montepulciano, nonché la camera di commercio, hanno manifestato la loro volontà di collaborare attraverso azioni di sostegno alla promozione della progettualità ed alcuni soggetti hanno anche partecipato attivamente ai tavoli di lavoro e agli incontri.