Home Arte e cultura Una giornata nella preistoria del Trasimeno SABATO UN LABORATORIO DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE...

Una giornata nella preistoria del Trasimeno SABATO UN LABORATORIO DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE ORGANIZZATO DALL'ASSOCIAZIONE CAT

Condividi

In occasione del cinquantesimo anniversario della scoperta del sito archeologico del Neolitico e del Bronzo Finale in località “La Lucciola” avvenuto nel 1967 tra Panicarola e Carraia nel territorio di Castiglione del Lago, l’associazione CAT (Club Amanti del Trasimeno), in collaborazione con ArcheoTrasimeno e con il Gruppo di Archeologia Preistorica, ha organizzato per sabato 28 ottobre un corso dal titolo “Una giornata nella preistoria del Trasimeno”.


Il corso è tenuto dal professor Alfio Tomaselli ed è costituito da una lezione di preistoria con un laboratorio esperienziale in cui si riproducono strumenti, oggetti, edifici del sito de “La Lucciola” e le circostanze nelle quali gli stessi si sono degradati. I partecipanti apprenderanno la lezione di preistoria in modo visivo, attraverso l’utilizzo degli elementi della natura per la realizzazione di un utensile in osso o in pietra, tessere le fibre naturali con un telaio verticale in uso nel Neolitico: inoltre si accenderà il fuoco con le pietre focaie o con l’archetto, scheggiare la selce, lavorare la ceramica o pitturare con l’ocra. Nel laboratorio il partecipante apprenderà, osserverà e manipolerà oggetti e strumenti e, a differenza di quello che avviene nei musei dove l’oggetto viene solo osservato, qui verranno studiati e ricostruiti sviluppando quelle abilità manuali che oggi purtroppo non vengono più esercitate.


Molti soni i temi trattati nel programma del corso. La pietra: riconoscere le materie prime adatte alla scheggiatura; dimostrazione sulla scheggiatura della selce. Gli strumenti: replica di strumenti di selce; raschiatoi, grattatoi, falcetti, perforatori, bulini e altri. Poi l’Homo habilis; l’ambiente; la mano e la visione. Nel programma la riproduzione da parte dei partecipanti del primo strumento di pietra: il chopper. Homo erectus: riproduzione dell’amigdala. Homo sapiens: realizzazione in selce, di lame, raschiatoi, perforatori, bulini, punte di freccia. Lavorazione dell’osso e del corno per la realizzazione di aghi, punteruoli, punte di arpioni. Il fuoco: tecniche di accensione del fuoco con i sistemi a frizione (legno) e percussione (pietre focaie). I vantaggi: Illuminazione, difesa, caccia, cottura e conservazione, riscaldamento. Le armi: Spiegazione dei principi di funzionamento e costruttive di alcune armi da lancio. Prova di alcune armi da caccia: bolas, arco, propulsore. Neolitico: la pietra levigata, l’agricoltura e l’allevamento a “La Lucciola”. Le pitture: prime espressioni artistiche, i colori, i pennelli, gli strumenti per lo spruzzo e le tecniche per la realizzazione delle pitture. La musica: gli strumenti preistorici ed etnografici.


I componenti del Gruppo di Archeologia Preistorica coordinati da Alfio Tomaselli sono insegnanti e sperimentatori di tecnologie preistoriche, da decenni collaborano con università, musei, parchi naturalistici e archeologici, scuole, associazioni ed enti locali per far conoscere gli aspetti storici dell’uomo. Con i lavori prodotti durante i loro laboratori, hanno organizzato varie mostre durante la “Settimana della Cultura Scientifica”, promossa dal MURST (attuale MIUR, Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca Scientifica) e la “Settimana della Cultura” promossa dal MIBACT (Ministero per i Beni, le Attività Culturali e il Turismo).


Al Laboratorio di sabato 28 ottobre è possibile partecipare iscrivendosi o alla Sessione pomeridiana (dalle 16 alle 18:30) o alla Sessione serale (dalle 21 alle 23:30) al costo di 10 euro. Prenotazioni entro giovedì 26 ottobre presso ai numeri 338 9309186, 338 4527914, 320 4277016: i posti sono limitati. (AKR)