Home ambiente Valnestore. Ceneri sotterrate, dieci indagati

Valnestore. Ceneri sotterrate, dieci indagati

Condividi

(Rassegna stampa. Dal Corriere dell’Umbria  d  di Alessandro Antonini)  Dieci indagati per gli interramenti di ceneri industriali in Valnestore. Nel fascicolo con l’accusa a vario titolo di inquinamento ambientale e omessa bonifica ci sono alcuni dei vertici di Enel produzione spa, presenti e passati, e i responsabili del consorzio pubblico Valnestore sviluppo nei periodi interessati dalle ipotesi di reato. Più i privati ritenuti autori degli interramenti. La procura della Repubblica di Perugia ha inviato gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari a Giuseppe Molina, Luca Camillocci Solfaroli, Paolo Riccioni, Enzo Patalocco, Ferruccio Bufaloni, Romolo Bravetti, Claudio Altieri, Stefano Riotta, Claudia Chiulli e Enel produzione spa nella persona dell’avvocato Tommaso Marrazza. A Molina e Camillocci Solfaroli (Enel produzione spa), Riccioni (titolare della ditta di trasporto ceneri R.G. di Pericoli Eugenia &C), Patalocco e Bufaloni succedutisi alla testa della Valnestore sviluppo rispettivamente come ad e amministratore unico, viene contestata in concorso l’omessa bonifica e i mancati “ripristino e recupero dello stato di estese aree a Piegare interessate dallo sversamento di un ingentissimo quantitativo di rifiuti- è scritto nell’atto della procura della Repubblica di Perugia – consistenti in ceneri prodotte dal funzionamento della centrale termoelettrica Enel a combustione di lignite di carbone di Pietrafitta oltre che dalle centrali Enel di La Spezia e Vado Ligure”.

Nel dettaglio si tratta di 354.286 metri quadrati scrive la procura nell’ambito dell’inchiesta effettuata dal Nucleo operativo ecologico dei carabinieri – sui quali si registra, tra l’altro “una contaminazione delle acque sotterranee da solfati ed è stato accertato lo sversamento di un quantitativo non inferiore a 240.00 metri cubi di ceneri, pari a 216.000 tonnellate. Trecentomila i metri quadrati interessati nel complesso dai sotterramenti, con ceneri tombate in profondità nei terreni tra 0,8 e 6,9 metri. Cifre, specifica la procura, arrotondate per difetto. In più Enel produzione e Riccioni avrebbero omesso la bonifica di un’altra – ulteriore – area di 61.583mq, per la quale è stata accertata la contaminazione delle acque sotterranee da solfati e boro.

Per Molina e Camillocci Solfaroli c’è pure l’omessa bonifica di aree interessate da contaminazione di policlorobifenili (Pcb), “provenienti da macchine di miniera già impiegate da Enel nell’attività di escavazione della lignite e mai rimosse, in violazione, dell’obbligazione assunta da Enel produzione spa con il contratto sottoscritto con Valnestore sviluppo srl il 31 gennaio 2003” .1 responsabili ai vari livelli – e nel tempo – della gestione degli impianti termoelettrici, ossia Bravetti. Altieri, Motta e Chiulli sono indagati per il 452 bis (inquinamento ambientale) in concorso perché “cagionavano, nella gestione delle macchine di miniera” di cui sopra “un deterioramento significativo e misurabile consistente nella contaminazione con policlorobifenili” di aree a carico di Valnestore sviluppo e ex comunità montana.

Sul fronte degli illeciti amministrativi sempre per il caso policlorobifenili e in riferimento a Enel produzione, il deterioramento e la contaminazione vengono definiti “ad esclusivo vantaggio e interesse della citata società (…) in assenza di modelli di organizzazione e di gestione idonei a prevenire illeciti penali come quelli verificatisi e attesa l’inosservazione degli obblighi di direzione e vigilanza”. Anche per questi profili, come per gli altri, tutto viene cristallizzato dal 29 maggio 2015 “con condotta perdurante”.

 

Condividi

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here