Home Politica A Castiglione del Lago primo Forum della Sinistra con Claudio Carnieri e...

A Castiglione del Lago primo Forum della Sinistra con Claudio Carnieri e Mario Bravi Il 6 Dicembre alle ore 21

Condividi

(riceviamo e pubblichiamo) Il 6 Dicembre alle ore 21 a Castiglione del lago presso la sala Consiliare del Comune si terrà il primo appuntamento del Forum della Sinistra.

In questa prima iniziativa si approfondiranno la genesi e le cause che hanno portato il centrosinistra a subire una sconfitta pesantissima alle recenti elezioni regionali.
Si inizia pertanto un percorso che dovrà servire , oltre che ad analizzare ed approfondire , a trovare le giuste proposte e le giuste motivazioni politico/programmatiche per rimettere insieme i cocci di una sinistra , ampiamente intesa , che sembra aver smarrito la strada per essere coesa e , soprattutto , per ottenere il consenso degli elettori .
Uno smarrimento che ha lasciato ampio spazio al movimentismo di destra rappresentato dalla Lega e da Fratelli d’Italia che sono riusciti , negli ultimi mesi , a raggiungere livelli di consenso impensabili.
La crisi economica , ampiamente utilizzata dalla destra , ha innescato e favorito l’emergere di paure e di incertezze che Salvini e Meloni sono riusciti abilmente a fomentare e a farle diventare il motivo principale del consenso.
Il tutto accompagnato da una campagna di informazione e di contatti con la piazza abilmente orchestrata con largo utilizzo delle nuove tecniche informative.
Il PD e i piccoli partiti della Sinistra non sono riusciti ad intercettare il sentimento di incertezza della maggior parte della gente e perciò non sono stati capaci di fornire la benchè minima risposta che potesse indurre a dare loro la fiducia necessaria per controbattere l’avanzata imperiosa della destra sovranista e populista.
Con queste iniziative si cercherà di riaprire un dialogo che si è spento da troppo tempo.
Seguirà , il 13 dicembre stessa ora stesso luogo , un dibattito sul potenziale rischio che può correre l’assetto democratico a fronte di un consenso sempre più ampio a questo tipo di destra italiana.