Home istituzioni M5S Panicale “San Sebastiano, prima il martirio…poi le nomine…oggi le comiche”...

M5S Panicale “San Sebastiano, prima il martirio…poi le nomine…oggi le comiche” Nuvo comunicato dei 5Stelle sulla vicenda della nomina del Consiglio del San Sebastiano.

Condividi

(Comunicato stampa)

SAN SEBASTIANO…..Prima IL MARTIRIO….Poi LE NOMINE …..OGGI LE COMICHE !!!!

Nel nostro Comunicato Stampa precedente del 21 Settembre u.s. abbiamo stigmatizzato le vicissitudini che hanno contraddistinto la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione di San Sebastiano per decreto del Sindaco del 12 Settembre u.s.

Abbiamo posto all’attenzione dei cittadini di Panicale tutti gli elementi utili a stimolare riflessioni affinche’ ciascun cittadino possa prendere consapevolezza di quanto sta avvenendo nelle segrete stanze del Palazzo. Riepiloghiamo qui di seguito l’efficienza e lo zelo dimostrato dal nostro Sindaco:

  • la nomina e’ avvenuta dopo 9(nove) mesi da quando poteva essere promulgata
  • La nomina e’ stata fatta per DECRETO del Sindaco anziche’ con delibera delConsiglio Comunale…caso senza precedenti nella storia dell’Istituto
  • La nomina avvenuta con 2(due) mesi di ritardo dalla scadenza consentita dalloSTATUTO dell’Istituto (Art. 7/bis)
  • L’Istituto e’ stato tenuto per ben 2(due) mesi SENZA un Consiglio diAmministrazione generando un vuoto amministrativo dovuto alla interruzione delperiodo di prorogatio cosi’ come stabilito dall’art. 7/bis.dello STATUTO
  • La nomina di soggetti con colossali conflitto di interesse ed in particolare lo sfregio perpetrato sostituendo il componente in dote alla opposizione con lamoglie del Segretario Politico del PD della sezione di Panicale Capoluogo
  • L’assenza nel nuovo Consiglio di Amministrazione di un rappresentante delle opposizioni a garanzia che l’Istituto non venga amministrato come una bocciofila rionale….anche questo senza precedenti nei 400 anni di storiadell’Istituto…..neanche nel ventennio fascista.In ottemperanza al ns. ruolo di garanzia e a tutela degli interessi primari dell’Istituto ci siamo limitati a fare un esposto affinche le autorita’ competenti accertassero la legittimita’ delle nomine. Le autorita’ a cui ci siamo rivolti sono il Dipartimento Sanita’ della Regione Umbria e l’Ufficio Anagrafe del Comune di Panicale.

    Nonostante questo, con tutta onesta’, avevamo interpretato il ns. comunicato stampa del 21 Settembre u.s. come l’epilogo di tutta la questione essendo stato ricomposto l’intero Consiglio di Amministrazione seppur procurando all’Istituto lesioni sufficienti per trarne le dovute conseguenze.

    Da parte della Regione abbiamo avuto risposta che, come era presumibile comunica che non ha competenza e titolarita’ a rilevare eventuali illegittimita’ compiute da parte del Sindaco o dell’Amministrazione Comunale rinviandoci inevitabilmente al giudizio del TAR.

    Non abbiamo invece ancora ricevuto risposta dagli Uffici del Comune ma abbiamo rilevato nell’Albo Pretorio del Comune in data del 16 Ottobre un decreto del Sindaco che fa seguito al nostro esposto con contenuti a dir poco sorprendenti.

….Ecco le comiche…. !!.

Con un NUOVO DECRETO del 16 ottobre il Sig. Sindaco ha ANNULLATO PARZIALMENTE IL PROPRIO DECRETO del 12 settembre dopo poco piu’ di un mese con il quale aveva nominato tre componenti del Consiglio di Amministrazione dell’Istituto.
(Albo Pretorio n. 735 del 16 Ottobre 2018 – Protocollo 18991)

Siamo quindi costretti a riaprire la questione in quanto il DECRETO del Sig. Sindaco del 12 Settembre u.s. con il quale ha nominato tre componenti il nuovo Consiglio di Amministrazione e’ risultato un atto ILLEGITTIMO in quanto rivelatosi non coerente a quanto disposto dallo STATUTO dell’Ente (art.7 comma 2) che lo stesso Sig. Sindaco aveva gia visionato interagendo con il precedente Consiglio di Amministrazione.

In buona sostanza da un controllo effettuato presumibilmente da parte dello stesso Ufficio Anagrafe del Comune di Panicale e’ emerso che con quel decreto il Sig. Sindaco ha nominato un componente del nuovo Consiglio che non risultava residente nel Comune di Panicale ed in particolare nel Capoluogo al momento della Sua nomina. Il Candidato non poteva e non doveva essere nominato Lo STATUTO. dell’Istituto San Sebastiano impone che i suoi amministratori siano residenti a Panicale Capoluogo da almeno 5 anni (art.7 comma 2.)

Questo la dice lunga sul livello di attenzione e di competenza con la quale il ns. Sig. Sindaco emette decreti che coinvolgono persone. Ciascuno si potra’ porre la domanda a cosa mai sia dovuta una simile lesione nei confronti dell’Istituto. Incompetenza, distrazione, incapacita’, delirio di onnipotenza, superficialita’, interessi particolari che vanno oltre gli interessi dell’Istituto…. .da parte nostra siamo convinti che la motivazione sia tra queste ma peggio sarebbe se fossero tutte queste messe insieme.

Non vorremmo inoltre che il nostro esposto sia interpretato come un atto ostile bensi’ va inteso come la massima espressione a tutela degli interessi dell’Istituto offrendo allo stesso solo benefici. Ci spieghiamo meglio.
Se quanto emerso all’inizio del mandato del nuovo Consiglio di Amministrazione fosse emerso alla fine del mandato, l’Istituto si sarebbe trovato nella condizione che tutte le delibere del Consiglio di Amministrazione di un intero mandato, 5 anni, sarebbero state nulle in forza della illegittimita’ della nomina di un componente il Consiglio stesso. Il tutto generando un grave incidente sotto il profilo Legale, Amministrativo, Economico e Finanziario che avrebbe messo a dura prova le sorti dell’Istituto stesso.

Non dobbiamo dimenticare che e’ un Istituto di Diritto Pubblico.

La nostra attenzione non e’ rivolta a chi ha compiuto atti illegittimi il quale avendo una investitura pro.tempore prima o poi e’ destinato ad uscire di scena, ma solo ed esclusivamente agli interessi di un Istituto che con i suoi 400 anni di storia ha sempre rappresentato l’identita’ di inclusione di tutta la popolazione di Panicale Capoluogo ed e’ destinato a farlo anche per i prossimi secoli.

Di certo e’ che se un simile incidente si fosse verificato in una Amministrazione Privata, sia essa Azienda o Ente o Associazione ci sarebbero tutti i presupposti affinche’ chi l’ha compiuto sarebbe stato rimandato a casa immediatamente.

Di contro, siamo convinti che assisteremo alla solita indifferenza senza neanche porgere le proprie “scuse” ai cittadini di Panicale a ristoro della lesione compiuta ai danni dell’Istituto San Sebastiano. Tantomeno un ringraziamento o un elogio nei ns. confronti che abbiamo scongiurato un grave incidente che avrebbe potuto segnare tutto il mandato amministrativo.

Invitiamo infine il ns. Sig. Sindaco a trasformare un incidente in una opportunita’. Potrebbe ricucire un’altra lesione di natura etica compiuta sempre ai danni dell’Istituto con il decreto del 12 Settembre semplicemente nominando come quinto componente del Consiglio di Amministrazione, al momento vacante, un figura di garanzia gradita alle opposizioni in ottemperanza ad una consuetudine che dura da 4 secoli a questa parte.

M5S Panicale 
MeetUp Panicale.Tavernelle

 

Il Consigliere Comunale di Minoranza

Dott. Lido FERRAGUZZI