Home Rubriche Mariella Spadoni”Convinta che il cuore e la testa dei cittadini avrà sempre...

Mariella Spadoni”Convinta che il cuore e la testa dei cittadini avrà sempre la meglio su tutto”. Primarie Pd Castiglione. Candidata sindaco nelle primarie interviene sull'accordo fra Burico e Progetto Democratico

Condividi

(Riceviamo e pubblichiamo.) A parole tutti si dichiarano per una politica che faccia partecipare le persone alle scelte, che includa e che dia rappresentanza attiva. La vita di tutti i giorni però ci rimanda un’immagine della politica opposta, spesso autoreferenziale, incline ad “accordicchi“, ad una visione temporale ristretta che arriva massimo alle prossime elezioni amministrative. Tutto questo non fa il bene del nostro paese. Abbiamo bisogno di una visione strategica, di uno sguardo lungo sui fenomeni sociali ed economici si deve interrompere il circolo poco virtuoso di affrontare i problemi a seconda delle convenienze del momento. Se davvero vogliamo frequentare il futuro bisogna uscire dai narcisismi e dai personalismi ricorrenti.

Una buona politica è quella che propone ai cittadini una concezione equa e solidale della vita pubblica, una visione di qualità dello sviluppo, una politica basata sul principio che il risanamento non è rinuncia, e che la sobrietà è uno stile di vita necessario se vogliamo lasciare un mondo migliore ai nostri figli.

Mi chiedo se così non è che ci stanno a fare i progressisti, se non propongono un nuovo modello, nuovo ed alternativo della società, un approccio etico della vita economico sociale, inclusivo, ambientalista, culturale, che abbatta le disuguaglianze, se tutto questo non sarà i progressisti possono pure scomparire, saranno surrogati dai nazionalisti o da uomini forti di turno.

Dispiace vedere come alle enunciazioni di principio sulla buona politica poi si ceda per fatti contingenti a percorsi vecchi, superati. Chiudersi in una stanza e decidere in quattro chi fa cosa non rappresenta sinceramente nessuna novità ma solo un ritorno al passato.

A Castiglione del lago abbiamo deciso di fare le primarie per il sindaco, per la scelta trasparente e democratica. La decisone non nasce per soddisfare le esigenze dei singoli, quanto invece per tracciare con tutti un nuovo orizzonte. Parlare del presente é utile, ma definire il futuro è necessario, sarà infatti il luogo dove vivremo i prossimi anni della nostra vita.

Ecco come immaginavo le primarie un luogo del confronto con tutti, partiti, associazioni, cittadini e rimango perciò rammaricata che un singolo candidato abbia scelto la solita scorciatoia, un accordo con una forza politica che già oggi siede in consiglio comunale al fine di ricevere benefit per le primarie in corso. Al chiuso di una stanza, con un parterre selezionato, si decidono cose che avrebbero meritato una discussione pubblica. Mi chiedo infatti, al di là dei laconici comunicati stampa, cosa è stato deciso? Come si pensa di agire in materia urbanistica e sociale per Castiglione? Mi chiedo se figure di garanzia per le primarie che sedevano al tavolo erano lì a titolo personale o con un mandato specifico e se si da parte di chi? Non possiamo permetterci tentennamenti la trasparenza è il prerequisito di chi si candida a governare il nostro comune.

Questa forza politica aveva già chiuso la porta al PD Castiglionese, alla sua segreteria in carica, prima dell’avvio del percorso delle primarie. Se una porta poteva essere riaperta doveva avvenire a primarie concluse, senza delegittimare un intero partito nell’accordo con un singolo che attualmente non lo rappresenta nella sua totalità.

Il punto vero però a mio avviso è che, continuando così, si perde un’occasione e la notte dell’antipolitica se non si cambia atteggiamento sarà lunga.

In cuor mio una speranza la coltivo sono convinta che il cuore e la testa dei cittadini di Castiglione del Lago avrà sempre la meglio su tutto. Non esiste notte così lunga da impedire il sorgere del sole.

Mariella Spadoni