Home arteecultura Paciano. TrasiMemo partecipa al processo di costituzione del Sistema Museale Nazionale La...

Paciano. TrasiMemo partecipa al processo di costituzione del Sistema Museale Nazionale La Banca della Memoria del Trasimeno tra le esperienze umbre prese a riferimento 

Condividi

(Cittadino e Provincia) La Banca della memoria del Trasimeno è stata chiamata a rappresentare il sistema dei musei locali umbri nell’ambito del recente incontro promosso a Palazzo Baldeschi di Perugia dal Coordinamento Regionale Umbria di ICOM Italia (l’organizzazione dei musei e dei professionisti museali). L’evento, organizzato con la collaborazione della Fondazione Ranieri di Sorbello, della Fondazione Orintia Carletti Bonucci e con il patrocinio della Regione Umbria, è inserito nella serie di incontri dedicati al processo di costituzione del Sistema Museale Nazionale (SMN). Gli incontri, aperti a tutti, hanno il compito di far luce sul costituendo SMN, tracciarne le criticità e le potenzialità, grazie anche all’apporto dei veri protagonisti della riforma, i musei. Essi infatti sono chiamati a portare esperienze, perplessità e spunti su tali tematiche, che saranno raccolti e fatti propri dalla comunità di ICOM Italia in un rapporto di costruttiva collaborazione con le realtà museali umbre.

Dopo il tema del lavoro e dei ruoli professionali nei musei affrontato nell’incontro di febbraio, è stata la volta di uno degli argomenti più importanti e complessi: regolamento, statuto e status giuridico dei musei. L’incontro si è svolto lunedì scorso nella suggestiva Sala dei Legisti della Fondazione Carletti-Bonucci a Palazzo Baldeschi, nel cuore del centro storico perugino.

A rappresentare i musei locali sono stati il POST – Museo della Scienza Perugia, il Museo archeologico nazionale dell’Umbria e come detto TrasiMemo Banca della Memoria del Trasimeno. A illustrare l’esperienza di quest’ultima è stato Daniele Parbuono, antropologo e membro del Comitato tecnico-scientifico dello stesso progetto. Parbuono ha descritto la struttura museale che ha sede a Paciano e ha riferito di quanto fin qui compiuto nell’opera tutela dei patrimoni culturali di comunità e di conservazione dei saperi artigianali della zona del lago Trasimeno è stato