Home arteecultura Montepulciano. Il 43° Cantiere per valorizzare i luoghi identitari Incontri pubblici a...

Montepulciano. Il 43° Cantiere per valorizzare i luoghi identitari Incontri pubblici a Montepulciano, Cetona, San Casciano dei Bagni, Trequanda

Condividi

I cittadini di Montepulciano, Cetona, San Casciano dei Bagni e Trequanda sono chiamati a partecipare attivamente alla costruzione di spettacoli per valorizzare i luoghi identitari dei centri storici. Nell’ambito del 43° Cantiere Internazionale d’Arte, entra nel vivo il progetto “I cuori delle culture” che vuole stimolare i residenti dei borghi e delle cittadine della Valdichiana senese a divenire protagonisti delle performance artistiche previste per il mese di luglio, con l’obiettivo di riappropriarsi di piazze, teatri e musei.

Le assemblee pubbliche per presentare l’iniziativa si svolgeranno lunedì 11 giugno alle 18.00 a Trequanda, presso la Sala Polivalente Dino Galluzzi, e alle 21.30 a Montepulciano, al Teatro Poliziano. Martedì 12 giugno invece sarà la volta di Cetona, ore 18.00 nella sala Santissima Annunziata, e San Casciano dei Bagni, alle 21.30 al Teatro dei Georgofili.

In questo primo ciclo di incontri, le Istituzioni locali, le associazioni, ma soprattutto i liberi cittadini potranno confrontarsi con gli artisti della compagnia Theatre en Vol che allestirà una nuova produzione di teatro di strada pensata proprio per ricercare un più ampio coinvolgimento popolare. S’intitola “Il gran mondo del teatro” lo spettacolo ispirato al classico seicentesco di Pedro Calderón de la Barca dove sono chiamati a recitare, danzare e suonare gli attori, i ballerini, i musicisti e i semplici appassionati del territorio che avranno l’opportunità di misurarsi con artisti professionisti, con l’obiettivo di restituire la vitalità dei residenti alle piazze di Cetona, Montepulciano, San Casciano dei Bagni e Trequanda. I luoghi individuati per le rappresentazioni prenderanno per un giorno il nome di un comune cittadino, selezionato attraverso un sondaggio Facebook, mentre una mostra fotografica online ritrarrà i semplici residenti durante le loro attività quotidiane nei contesti identitari.

Si concretizza così il progetto “I cuori delle culture”, sostenuto dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena che aveva dedicato un bando proprio alla promozione degli spazi più significativi per le comunità dell’area senese.

Il programma ideato dalla Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte riguarda anche i Comuni di Chianciano Terme, Sarteano e Torrita di Siena che accoglieranno analoghe assemblee pubbliche nel corso delle prossime settimane. Le performance artistiche non dovranno essere soltanto esibizioni d’intrattenimento, ma vogliono rivendicare la presenza fisica e intellettuale dei residenti che potranno essere al tempo stesso insegnanti e studenti, artisti impegnati e cittadini consapevoli.

 

 

 

FONDAZIONE CANTIERE INTERNAZIONALE D’ARTE

ALESSIO BIANCU