Home Scuola Chianciano Terme: i giovani piantano alberi per sostenere l’ambiente I bambini delle...

Chianciano Terme: i giovani piantano alberi per sostenere l’ambiente I bambini delle scuole elementari pianteranno arbusti di alloro nel parco giochi “Madre Terra” vicino a San’Elena per “accendere l’amore e la responsabilità per ambiente”

Condividi

Chianciano Terme (Siena) – I giovani delle scuole elementari di Chianciano Terme sostengono l’ambiente e lunedì 27 marzo 2017 dalle ore 11.00 in poi si ritroveranno al parco “Madre Terra”, adiacente all’ingresso di Terme di San’Elena, per mettere a dimora altri arbusti di alloro. L’evento doveva svolgersi in occasione dell’iniziativa “M’illumino di meno”, l’iniziativa ideata dallo storico programma di Radio 2 RAI “Caterpillar” giunta quest’anno alla 13° edizione che è stata celebrata lo scorso 24 febbraio. Causa maltempo, non essendo stato possibile effettuare la piantumazione per pioggia, l’iniziativa è stata riprogrammata per il 27 marzo prossimo. Saranno presenti, oltre ai giovani ed i loro insegnanti, il presidente di Legambiente locale e amministratori comunali.

“Accendere l’amore e la responsabilità per l’ambiente” è questo l’impegno che istituzioni ed associazioni ambientali desiderano trasmettere ai giovani. I ragazzi delle classi quinte delle scuole elementari di Chianciano Terme, grazie alla disponibilità delle insegnanti e all’inserimento nei progetti formativi delle tematiche che riguardano la salvaguardia dell’ambiente, da tempo con i propri insegnanti portano avanti, in collaborazione con Legambiente, un progetto di educazione ambientale “EnergeticaMente”. Il percorso formativo per i ragazzi ha l’obiettivo di sensibilizzarli alla riduzione degli sprechi di energia e, di conseguenza, al contenimento dei danni derivanti dai cambiamenti climatici. E visto che durante la loro vita gli alberi assorbono la CO2 che causa dell’effetto serra, piantare alberi è una delle azioni possibili per tentare di contrastare il problema dei cambiamenti climatici. I ragazzi, negli anni, avranno l’opportunità di vedere crescere le piante che loro stessi hanno messo a dimora, un gesto che le istituzioni scolastiche, l’Amministrazione Comunale e Legambiente locale, ritengono molto significativo per “accendere nei ragazzi l’amore e la responsabilità che tutti dovremmo avere per il nostro ambiente”.